Vaccino anti-covid, contrario il 7,5% degli italiani

Primo Piano
·1 minuto per la lettura
(AP Photo/Alessandra Tarantino)
(AP Photo/Alessandra Tarantino)

l 7,5% degli italiani è decisa a non sottoporsi a vaccinazione contro il Covid. Favorevole ai vaccini invece il 73,3% della popolazione, quota che arriva all'80,9% aggiungendo coloro che vorrebbero poter scegliere il siero da farsi somministrare. C'è poi un 9,9% di perplessi. E' quanto emerge dalla ricerca della Fondazione Italia in salute, realizzata da Sociometrica, per rilevare la propensione degli italiani verso la vaccinazione anti Covid.

VIDEO - Rompe una dose di vaccino, l'incredibile storia di un'infermiera

Tra coloro che rifiutano il vaccino, si legge in una nota, prevalgono leggermente le donne rispetto agli uomini; hanno tra i 46 e i 55 anni e sono residenti del Nord Est rispetto al resto del Paese (12,2%). Se a questi sommiamo coloro che nutrono perplessità sul vaccinarsi, si ottiene che quasi una persona su quattro nelle classi di età 26-35 anni e 46-55 anni si mostra scettico. 

Dalla ricerca emerge anche che, dal punto di vista dell'istruzione, chi non intende vaccinarsi ha di solito un livello basso di istruzione, il 12%, mentre tra diplomati e laureati sono fermi intorno al 7%. "I dubbi ed il rifiuto prevalgono nelle persone in buona salute - commenta il presidente della Fondazione Italia in Salute, Federico Gelli -. I risultati dell'indagine dipingono un quadro in chiaroscuro: se è vero che la larga parte degli italiani è decisa e propensa alla vaccinazione, dobbiamo fare i conti un una quota notevole di persone che restano ancora scettiche, se non del tutto contrarie. Convincerle sarà dunque fondamentale per la buona riuscita della campagna vaccinale ed il raggiungimento dell'immunità di comunità".

VIDEO - Covid, servirà la terza dose di vaccino?