Il primo vaccino antimalaria sarà testato in Africa dal 2018

Una grande notizia dalla comunità scientifica che potrebbe salvare molte vite: è pronto per i test ufficiali un vaccino antimalaria. Lo ha annunciato l’Organizzazione Mondiale della Sanità; il suo obiettivo è di cominciare in tre paesi africani particolarmente colpiti dalla malattia, cioé Kenya, Ghana e Malawi. Sono in programma almeno 360 mila vaccinazioni su altrettanti bambini, tutte da effettuare tra il 2018 e il 2020.

Vaccino antimalaria: pronto per i test ufficiali

Il vaccino si chiama “RTS,S”, ma ha già un secondo nome di battaglia: Mosquirix. Il farmaco è stato messo a punto dal gigante farmaceutico GlaxoSmithKline (GSK), che ha collaborato con la ong Path. Sarà somministrato solamente a bambini in tenera età e secondo Matshidiso Moeti, direttrice del dipartimento africano dell’OMS, potrà salvare decine di migliaia di vite umane. Mosquirix porta il sistema immunitario ad attaccare il parassita della malaria. Il vaccino va iniettato quattro volte, una volta al mese per tre mesi e in seguito un richiamo dopo altri 18 mesi; tale risultato arriva dopo una ricerca durata oltre 30 anni.

Guarda anche: gli 8 motivi per cui le zanzare pungono te e non gli altri

La malaria è una delle più subdole malattie trasmesse dalla puntura di zanzara. L’Africa è il continente più colpito, e a causa soprattutto delle condizioni igieniche scarse provoca un tasso di mortalità assurdamente alto. Il 92% delle 429 mila persone morte a causa della malaria nel 2015 erano residenti in paesi africani. Due terzi di essi erano bambini sotto ai due anni.

Guarda anche: le piante che tengono lontano le zanzare

L’efficacia dei primi test è stata positiva. Quattro bambini su dieci non hanno più sintomi, e i casi più gravi si sono ridotti di un terzo. In un primissimo test nell’Africa sub-sahariana sono stati coinvolti 11 mila bambini, e i tasso di mortalità si è ridotto del 50%. Il progetto pilota allargato ad altri Paesi è dunque una sorta di ulteriore studio di fattibilità, in un continente che nonostante la carenza cronica di infrastrutture è riuscito comunque a ridurre le morti per malaria del 62% negli ultimi quindici anni, grazie soprattutto a metodi semplici come l’apposizione di zanzariere.

Il vaccino potrebbe salvare migliaia di vite (Photo by Manoj Patil/Hindustan Times via Getty Images)
Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità