Vaccino contro tutte le varianti sviluppato dall’esercito USA: come funziona e a che punto è

·1 minuto per la lettura
Covid, nuovo vaccino sarà somministrato in Germania da settembre
Covid, nuovo vaccino sarà somministrato in Germania da settembre

L’esercito americano ha sviluppato un vaccino cosiddetto “impossibile” che sarebbe efficace contro tutte le varianti del Covid, Omicron compresa. Inizialmente testato sulle scimmie, è in corso di sperimentazione sugli essere umani.

Vaccino contro tutte le varianti

Il professore di biochimica al Trinity College di Dublino Luke O’Neill ha spiegato che ciò che si sta cercando di realizzare è un vaccino universale che riesca a combattere tutte le mutazioni del virus. Il siero in questione, ha spiegato, è stato creato prendendo l’RBD e attaccandolo su una nanoparticella.

É stato dunque testato sulle scimmie e, dato che ha protetto sia contro il ceppo originario che contro le varianti Alfa, Beta, Delta e Omicron, si proceduto a sperimentarlo anche sugli umani. “Siamo nel bel mezzo della fase uno e da un giorno all’altro avremo i dati. Il vaccino derivato dall’esercito americano potrebbe essere il primo vaccino universale contro il Covid-19“, ha aggiunto O’Neill.

“Efficace anche contro XE”

A chi gli ha chiesto se il siero sia efficace anche contro la sottovariante di Omicron XE, del 10-20% più trasmissibile dell’Omicron originale, ha spiegato che per il momento siamo in presenza di “un mazzo di carte che continua a essere rimescolato e che il sistema immunitario riesce a riconoscere“. La preoccupazione è dunque che possa emergere un nuovo mazzo di carte o un diverso tipo di carta, ma attualmente “è lo stesso che continua a mischiarsi“. A dimostrarlo c’è il fatto che i vaccini stanno fermando le malattie gravi contro qualsiasi variante finora emersa.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli