Vaccino covid, Capobianchi tra primi 5 vaccinati 1 anno fa: "Uscimmo da incubo"

·1 minuto per la lettura

Vaccino anti-covid, un anno fa all'Inmi Spallanzani di Roma venivano somministrate le prime dosi a un gruppo di cinque sanitari. Tra loro anche la biologa Maria Rosaria Capobianchi: "Sono stata orgogliosa di essere tra i primi cinque italiani vaccinati - racconta all'Adnkronos Salute - era il segnale che stavano uscendo dall'incubo. Il 2020 è stato un anno orribile e il 2021 non è stato privo di sfide, ora stiamo rivivendo l'onda del terrore dell'aumento dei contagi come accadde un anno fa. Ma abbiamo un'arma formidabile: il vaccino".

Oggi Capobianchi è in pensione, ma è stata determinante nel suo laboratorio allo Spallanzani per dare le prime risposte sequenziando Sars-Cov-2. "Il vaccino oggi è fondamentale e vedo che gli italiani stanno rispondendo anche sulla terza dose - osserva - ma non dobbiamo dimenticare che ci vogliono le misure sociali che conosciamo bene, indossare la mascherina e il distanziamento, e poi è arrivato il momento di aggiornare i vaccini a una situazione che è in continua evoluzione. Omicron non sarà l'ultima variante, e dobbiamo avere nuovi vaccini aggiornati". Sulla scelta di imporre un lockdown solo ai non vaccinati, Capobianchi frena: "Sono misure severe ed è la politica che deve prendersi la responsabilità e decidere - evidenzia la biologa - in Germania questo strumento ha funzionato, ma credo dipenda molto dalla sensibilità della popolazione. In Italia mettiamo tutto in discussione e non è facile imporre misure drastiche".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli