Vaccino Covid, Conte: "Ecco perché Italia non compra dosi da sola"

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

"All'articolo 7 del contratto e della decisione assunta dalla Commissione europea c'è il divieto di approvvigionarsi per via bilaterale se si accede" al vaccino contro il coronavirus "a livello europeo. Punto". Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, oggi nella conferenza stampa di fine anno risponde così alla domanda sull'acquisto 'diretto' di 30 milioni di dosi di vaccino Pfizer da parte della Germania.

"L'Italia, la Francia, la Germania e l'Olanda sono stati i primi paesi che si sono mossi per creare l'alleanza per i vaccini. Dopo aver preso contatto con le aziende che assicuravano maggiori risultati sul fronte della ricerca, hanno consegnato la palla alla Commissione Europea. E' stata una scelta politica, si riteneva che fosse necessario muoversi in modo compatto", dice Conte.

"L'Italia non ha tentato di aggiudicarsi altre commesse perché le dosi negoziate contrattualmente a favore di Italia e Ue sono centinaia di milioni, sono sufficienti. L'Ue su nostra sollecitazione si è premurata di acquistarne in più per assicurare dosi a paesi balcanici e del nordafrica. All'articolo 7 del contratto e della decisione assunta dalla Commissione europea c'è il divieto di approvvigionarsi per via bilaterale se si accede" al vaccino "a livello europeo. Punto".