Vaccino Covid, Crisanti: "Israele fa quarta dose? Preoccupante"

·2 minuto per la lettura

La quarta dose di vaccino anti-Covid varata in Israele per over 60 e operatori sanitari "è preoccupante". A sottolinearlo all'Adnkronos Salute è Andrea Crisanti, direttore del Dipartimento di medicina molecolare dell'università di Padova. Per l'esperto il fatto che in questo Paese, dove hanno cominciato prima con i booster, diano il via a un nuovo giro di immunizzazioni "non è un segnale buono" per quanto riguarda la speranza di avere con la terza dose uno scudo solido e duraturo contro il contagio.  

"Del resto - spiega il virologo - io l'ho visto con i miei occhi: ho colleghi che hanno fatto la terza dose un mese fa e si sono infettati". E "non è la variante Omicron. Non c'entra. Qui è tutta Delta", precisa.  

GUARDA ANCHE - Locatelli (Cts): quarta dose una possibilità concreta

Quanto agli argomenti toccati oggi dal premier Mario Draghi, mascherine Ffp2, Green pass e tamponi sono piaciuti al virologo. A non convincerlo un solo punto. Quando il presidente ha detto: "Domani non valuteremo il prolungamento delle vacanze scolastiche" nella cabina di regia. "Fanno male, avrebbero dovuto. Allungare la chiusura delle scuola avrebbe permesso di guadagnare un po' di tempo, perché determinate azioni devono essere programmate. Il problema è che il prolungamento delle vacanze scolastiche diventerebbe l'ammissione di una sconfitta e quindi purtroppo la politica prevale sul buonsenso e sull'umiltà". 

Per Crisanti "anche una sola settimana in più di vacanza avrebbe avuto un impatto" sulla situazione Covid. "Ma avrebbe anche significato che tutto quello che è stato fatto per la scuola, come d'altronde l'evidenza dimostra, non è servito a niente. A livello epidemiologico senz'altro avrebbe avuto un senso perché si abbassano i contagi". 

Il virologo esprime invece soddisfazione per 'l'agenda' illustrata da Draghi su Covid. Piace a Crisanti che si parli di una stretta sulle mascherine, che preveda la Ffp2 in certi contesti, e anche l'annuncio sul fatto che domani si discuterà se ridurre la durata del Green pass, e su che tipo di tamponi fare ai fini della certificazione verde. "Non posso che essere soddisfatto del fatto che cose di buonsenso che dico ormai da mesi siano arrivate a un livello decisionale". Bene anche la posizione defilata data all'ipotesi di un lockdown per non vaccinati: "Non si può fare. Del resto - conclude Crisanti - è una cosa anticostituzionale che non sta né in cielo né in terra". 

 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli