Vaccino Covid, Galli: "Farò booster disponibile ora"

(Adnkronos) - Ora che hanno incassato anche il via libera della Commissione tecnico scientifica dell'Agenzia italiana del farmaco Aifa, "non so quali saranno i reali tempi per" avere disponibili sul territorio "i vaccini anti-Covid aggiornati a Omicron 5, che sono un elemento abbastanza strategico. Ma è verosimile che una vaccinazione nei confronti di Omicron 1 dia comunque una risposta anticorpale più vasta e completa, con uno spettro di azione e di attività che riguarda almeno in una misura non trascurabile anche le successive varianti Omicron". A sottolinearlo all'Adnkronos Salute è Massimo Galli, già direttore del reparto di Malattie infettive dell'ospedale Sacco di Milano, che porta il suo esempio personale: "Io, che sono nelle condizioni di poter fare la vaccinazione, mi prenoterò quanto prima per fare quel che c'è ora. La maniera corretta di muoversi in questo momento credo sia questa", osserva.

"Prima che arrivino anche i booster più aggiornati trascorrerà del tempo - riflette l'infettivologo - e oltretutto dovremo vedere quello che succede nel frattempo: non è escluso che questo autunno e questo inverno il quadro epidemiologico cambi ancora", e che cambino le varianti circolanti. In tal caso, aver aspettato potrebbe non essere servito a nulla. "In altre parole - aggiunge - non si tratta dell'approccio ottimale per quanto riguarda le ultime varianti, perché ovviamente sono diverse dalle precedenti, ma credo si possa essere piuttosto fiduciosi sulla possibilità che la vaccinazione per Omicron 1 dia un significativo" 'quid' in più. "C'è già una tale differenza fra Omicron 1 e le varianti precedenti e soprattutto il virus selvaggio di Wuhan del 2020". Questi nuovi booster, dunque, "funzioneranno anche contro Omicron 5 certamente di più di quanto funziona il vaccino originale contro il virus selvaggio di Wuhan". (segue)