Vaccino covid, Italia 14esima nel mondo: classifica delle vaccinazioni

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·2 minuto per la lettura

Italia 14esima nella classifica mondiale delle vaccinazioni contro il Covid-19. Primo Paese europeo e terzo assoluto nel mondo è il Regno Unito. In base ai dati raccolti dal sito Our World in Data e aggiornati al 16 febbraio, il nostro Paese ha somministrato 5,16 dosi di vaccino ogni 100 abitanti, tenendo conto della popolazione totale, compresi quindi gli under 18. Un dato che, tradotto in termini numerici dettagliati, in base a quanto riportato dal sito del ministero della Salute, equivarrebbe a 3.146.842 somministrazioni totali, con 1.298.844 persone che hanno ricevuto sia la prima che la seconda dose del vaccino.

In testa alla classifica di Our World in Data c'è saldamente Israele, che ad oggi può vantare 78,09 dosi somministrate ogni 100 abitanti, seguito dagli Emirati Arabi Uniti, con 52,56 dosi. Il Regno Unito, al 15 febbraio, poteva vantare 23,75 dosi somministrate ogni 100 abitanti, seguito dagli Stati Uniti, con 16,51 dosi. Al quarto posto compare un altro Paese del Golfo, il Bahrein, che ha finora somministrato 14,87 dosi ogni 100 abitanti. Seguono il Cile e la Serbia (dati al 14 febbraio), rispettivamente con 12,43 e 12,01 dosi ogni 100 abitanti.

Da tenere presente che la classifica tiene conto solamente delle dosi somministrate, a prescindere se il vaccino impiegato sia monodose o necessiti di una seconda dose. Non è quindi un indicatore esatto del numero delle persone che hanno effettivamente ottenuto l'immunizzazione, ma lo è certamente dell'andamento delle campagne di vaccinazione nei vari Paesi.

Il primo Paese dell'Unione europea che compare nella classifica di Our World in Data è la Danimarca, ottavo assoluto, che al 15 febbraio faceva segnare 7,28 dosi somministrate ogni 100 abitanti. Seguono Svizzera (6,24), Romania (6,22), Polonia (5,7), Spagna (5,61) e Turchia (5,49), tutti Paesi in cui l'aggiornamento dei dati varia tra il 14 e il 16 febbraio.

Tra i grandi Paesi della Ue, l'Italia, 14esima in assoluto e quinta a livello di Unione europea, sta facendo meglio della Germania, che al 15 febbraio registrava 5,11 dosi di vaccino somministrate ogni 100 abitanti e della Francia, 4,44 dosi ogni 100 abitanti, anch'essa con dati fermi al 15 febbraio. Da notare che i Paesi produttori di un vaccino 'autoctono', Russia e Cina, appaiono in ritardo nella classifica delle somministrazioni. La Cina, al 9 febbraio indicava 2,82 dosi somministrate ogni 100 abitanti, mentre la Russia, al 10 febbraio, registrava 2,67 somministrazioni ogni 100 abitanti.