Vaccino covid, polemiche social tra prime dosi e fake news

·2 minuto per la lettura

E' partito il 'Vaccine-day' europeo, la campagna di vaccinazione contro il coronavirus, ed è scattata subito la prima polemica social, tra cifre reali e fake news. Di tendenza su Twitter le 350mila dosi consegnate alla Spagna per la giornata di oggi. Falso: il numero fa riferimento alla quantità di dosi che il paese iberico riceverà in una settimana.

"La Spagna riceverà poco più di 4,5 milioni di dosi di vaccino Pfizer-BioNTech nelle prossime 12 settimane, che consentiranno di immunizzare quasi 2,3 milioni di persone, poiché" il protocollo "richiede una doppia iniezione. Saranno 350.000 le dosi settimanali che verranno distribuite tra le comunità autonome per immunizzare progressivamente la popolazione a partire dal primo gruppo a rischio: gli anziani che vivono in residenze", si legge su 'El Paìs'.

C'è chi riporta l'elenco della distribuzione tra i Paesi Ue, citando oltre alla Spagna, la Germania con 150mila dosi. Effettivamente, come riferisce l'agenzia Dpa, Berlino ha ricevuto 9750 dosi e la stessa quantità è a disposizione oggi di ognuno dei 16 stati federati.

"Italia nemmeno 10mila! L'italia conta ZERO in Europa nonostante i morti", si legge in un post. C'è chi parla di "pagliacciata", attaccando l'operato del governo. Alla protesta social si è unito anche l'economista Lorenzo Bini Smaghi: "Non sapevo la Germania avesse 16 volte la popolazione dell’Italia!!!", scrive su Twitter.

Ma, come già chiarito dal ministro stamattina, in realtà in Italia oggi è arrivata un piccola scorta simbolica di 9.750 dosi ma da domani arriveranno ogni settimana 470.000 dosi. Come ricorda anche un commentatore su Twitter a Bini Smaghi: "Anche lei prof. Bini Smaghi con questa stupidaggine! Andiamo bene! Arrivano 450000 dosi a settimana da domani", scrive tale Antonio tra i commenti al post dell'economista.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli