Vaccino Covid, Pregliasco: "Paura? Ad oggi no nesso causale, c'è infodemia"

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1 minuto per la lettura

Sul caso del lotto di vaccino AstraZeneca "la cautela e le precauzioni che sono state osservate dalle autorità regolatorie sono atti dovuti, ma ad oggi non è stato stabilito nessun rapporto di causa-effetto fra le morti e i casi di trombosi, nonostante milioni di dosi fatte in tutto il mondo". Dunque i timori di chi pensa di rifiutare la vaccinazione nascono da un mix di "infodemia e di quella disaffezione che ha sempre aleggiato sui vaccini che, a differenza del farmaco che accettiamo perché abbiamo dolore o siamo malati, fa sorgere diffidenza perché tanto la patologia è 'lontana', noi stiamo bene e non 'vediamo' il virus". Così all'Adnkronos Salute il virologo dell'università di Milano Fabrizio Pregliasco.

"Ogni atto medico può portare con sé eventi avversi o problemi di inefficacia - ricorda - ma questi oggi sono valutati e quantificati in tutte le fasi, in particolare la fase 4 che è quella della farmacovigilanza. Questo ci dovrebbe portare a ribaltare le informazioni, cioè ad essere certi che c'è attenzione alla sicurezza". La stessa "Ema ha quantificato in 30 casi totali di trombosi su ben 5 milioni di dosi del vaccino AstraZeneca somministrate in Ue", dunque numeri del tutto irrisori. Ma - fa notare il virologo - "i giornali europei ne hanno parlato in maniera sobria, mentre solo in Italia sono stati sparati i titoloni, e questo non aiuta" nella campagna vaccinale.