Vaccino Covid, Putin lancia la "Propaganda Sputnik"

Mauro Suttora
·4 minuto per la lettura
Vladimir Putin (Photo: HuffPost Italia)
Vladimir Putin (Photo: HuffPost Italia)

Lo ha tradito lo Sputnik. Quel battezzare il suo presunto vaccino anti covid col nome del satellite che umiliò gli Usa nel 1957 svela la tremenda voglia di rivincita da cui è posseduto Vladimir Putin. Deve arrivare primo, come nella corsa allo spazio che 63 anni fa vide l’Unione Sovietica trionfare con il lancio nello spazio di quella palla di alluminio larga mezzo metro.

Gli americani impazzirono di rabbia, perché i sovietici dimostravano di poter lanciare una loro bomba atomica ovunque nel mondo, surclassando i bombardieri e missili statunitensi. Ma ci misero solo quattro mesi per spedire anche loro in orbita un satellite. Poi, con Yuri Gagarin primo uomo nello spazio nel 1961, nuovo successo russo. Tuttavia alla fine furono gli Usa a vincere la corsa alla Luna.

Però almeno lo Sputnik era vero. Tutti i radioamatori del mondo poterono verificarne subito l’esistenza, perché emetteva onde radio. Il vaccino annunciato oggi da Putin, invece, rimane un mistero per gli scienziati. Nessuna informazione trapela dai laboratori russi, se non che è finita la fase due e inizia la fase tre, quella delle vaccinazioni su migliaia di cavie umane. Di solito dura un anno, per scoprire effetti indesiderati. Contro il covid tutto accelera, quindi almeno quattro mesi. Macché. Il turbozar, eccitato dal primato mondiale, smentisce i suoi stessi scienziati che raccomandano prudenza, e annuncia: “Abbiamo già registrato il vaccino”.

Non fosse Putin, l’Oms lo denuncerebbe come pirata internazionale. Ma l’organizzazione della sanità di Ginevra è gentile con i regimi autoritari (Russia) e totalitari (Cina) che la finanziano, e poi chissà. Magari il vaccino di Mosca funziona, e tanto meglio per tutti. In fondo, gli eventuali danni collaterali se li procureranno gli sventurati volontari russi che lo testeranno.

“Una delle prime”, annuncia orgoglioso papà Vladimir, “è stata mia figlia. Il primo giorno ha avuto 38 di febbre, poi tutto bene”. Non ha specificato quale delle due figlie. Maria, che viveva tranquilla nei Paesi Bassi col marito olandese, è già stata vittima delle imprese del padre. Nel 2014, dopo che un missile russo abbatté in Ucraina un aereo partito da Amsterdam uccidendone i 300 passeggeri, dovette scappare dalla sua villa assediata dai dimostranti. In ogni caso, auguriamo alla figlia vaccinata di non fare la fine della povera cagnolina Laika, immolata per motivi patriottici nel secondo Sputnik, un mese dopo il primo.

Putin ha un gran bisogno di galvanizzare i propri sudditi, in queste settimane. Il petrolio ai minimi sta distruggendo l’economia russa. Il rublo è svalutato: lo si cambiava a 23 per un euro quando diventò presidente nel 2000, ora ce ne vogliono 85. Il pil di Mosca, inferiore a quello italiano, con la pandemia è crollato del 10%.

Brutte notizie anche sul fronte virus: la Russia è il quarto Paese con più casi al mondo dopo Usa, Brasile e India. I 900mila contagiati aumentano di 5mila ogni giorno, i 15mila morti di cento. Agli oligarchi russi tocca trascorrere il primo agosto confinati a casa, pochi Paesi accettano i loro aerei privati. Le truffe sul doping impediranno la partecipazione della Russia alle olimpiadi 2021 di Tokyo e ai mondiali di calcio 2022. Nella classifica della democrazia di Freedom House Mosca totalizza un imbarazzante 20 su cento (l’Italia 89).

Cionostante, un mese e mezzo fa Putin ha vinto il referendum che gli permette di restare presidente fino al 2036, quando avrà 84 anni. Ci arriverà con il viso di un bambino, grazie alle plastiche facciali. Metà dei russi lo ama, gli altri lo odiano. Ma poiché questi ultimi alle elezioni si astengono per protesta, o i loro candidati vengono espulsi con trucchi vari, vince sempre lui.

Per qualcuno Vladimir è un nuovo Stalin. Per altri, un grande statista. Lo accusano di aver fatto ammazzare la giornalista Anna Politkovskaia e l’ex vicepremier Boris Nemtsov, di avere avvelenato col polonio radioattivo a Londra nel 2006 l’ex collega del Kgb Alexander Litvinenko. Gli addossano misfatti tremendi, come l’aereo in Ucraina o le 550 vittime delle stragi nel teatro di Mosca nel 2002 e della scuola cecena di Beslan due anni dopo. «Tutte invenzioni della Cia», ribatte la maggioranza dei russi.

L’Occidente, comunque, gli è grato per avere sconfitto gli islamisti dell’Isis in Siria. E se questo suo vaccino propagandistico dovesse avere successo, lo ringrazieremo di nuovo.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.