Vaccino covid Sputnik in Italia? Quando può arrivare

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1 minuto per la lettura

Il vaccino Sputnik contro il coronavirus si potrà usare? E in caso, quando sarebbe disponibile in Italia il vaccino russo? Mentre la campagna di vaccinazione stenta a decollare, l'Agenzia europea del farmaco (Ema) fa il punto sul vaccino Sputnik, da più parti indicato come possibile strumento da affiancare ai vaccini già autorizzati. "Ci sono diversi Paesi che hanno considerato di usare" il vaccino russo. "Anche in Argentina è stato usato già da tempo. Quello di cui noi" in Ema "abbiamo bisogno è di fare quel che facciamo con tutti i vaccini: che l'azienda ci sottoponga tutti i dati e noi li valuteremo", spiega Marco Cavaleri, responsabile Vaccini e Prodotti terapeutici per Covid-19 dell'Ema. "Essendo il loro anche un sito di produzione extra europeo, dovremo verificare che il vaccino venga prodotto secondo gli standard europei e a quel punto potremmo essere in grado di concludere, può anche essere ad aprile o maggio".

L'esperto fa notare però che altri vaccini sono in dirittura d'arrivo. Il vaccino monodose di Johnson & Johnson che negli Usa è prossimo al debutto, in Europa "lo stiamo valutando e penso che intorno a metà marzo saremo in grado di concludere, ovviamente fermo restando che non ci siano problemi emergenti, ma sono piuttosto ottimista. Quindi sarà il prossimo e poi dopo vedremo per gli altri, soprattutto Novavax, CureVac", per i quali è già partita la procedura di revisione continua (rolling review), "Sputnik ed eventualmente anche uno dei vaccini cinesi".