Vaccino Covid, Zaia: "Atto di solidarietà, anche per chi non vuole farlo"

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

In occasione del 'Vaccine Day' europeo, "devo ringraziare tutti gli uomini e le donne che lavorano nella nostra sanità. Oggi è un giorno importante. Purtroppo qui in Veneto hanno perso la vita oltre 6mila persone. Un anno fa, se potessimo catapultarci indietro, mai avremmo pensato a quello che sarebbe successo. Sarebbe sembrato un film di fantascienza, ma invece ci siamo dentro. Se avessimo avuto già un vaccino non avremmo assistito a questo bilancio drammatico". Lo ha detto il presidente della Regione Veneto Luca Zaia, nel corso di una diretta Facebook.

"Chi si vaccinerà - ha aggiunto il governatore - lo farà per se stesso, per gli altri, ma anche per tutti coloro i quali non vogliono farlo, perché non capiscono quanto sia importante. Quindi chi si sottoporrà al vaccino farà un doppio atto di solidarietà". "L'immunità di gregge si raggiunge col 65% dei vaccinati - ha continuato Zaia - i cinesi lo hanno fatto e il virus è praticamente sparito. Non è difficile da capire, facciamo lo stesso anche noi". "Questo vaccino non solo previene dalla malattia, ma disinfetta anche. Ecco perché è fondamentale farlo", ha spiegato ancora il governatore.