Vaccino Covid, Zaia: "Big Pharma faccia chiarezza su distribuzione"

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·2 minuto per la lettura

"Le big pharma devono fare chiarezza sulla distribuzione dei vaccini" anti coronavirus. A richiederlo, è stato lo stesso presidente del Veneto Luca Zaia oggi nel corso del punto stampa. "Se le tre big pharma dicono che quel che viene distribuito al di fuori dell'Europa non è vaccino, ci mettiamo il cuore in pace e chiudiamo la pratica".

"Se fosse vero questo però allora la Germania ha comprato 150 milioni di dosi e non sono vaccini? Bisognerebbe fare chiarezza anche su questo perché io invece penso che ogni azienda quando inizia una nuova produzione pensi ai canali commerciali: quelli istituzionali e i concessionari ad esempio poi ci potrebbe essere stato un fondo di investimento nel settore biotech che potrebbe avere investito in una azienda farmaceutica acquisendo dosi in via preventiva e oggi si ritrova magari un milione di vaccini in magazzino. Cosa fanno -ha spiegato Zaia- li distribuiranno".

Il governatore del Veneto ha quindi ribadito: "Non siamo stati noi a cercare i vaccini sul mercato, ma ci sono stati offerti e siamo continuamente bersagliati, io e i miei colleghi governatori, da offerte continue. Anche oggi il dg della Sanità del Veneto Luciano Flor mi ha annunciato di avere avuto un'offerta per il vaccino Astrazeneca così come aveva annunciato il presidente dell'Emilia Romagna Bonaccini in tv con un intermediario della Croazia e sempre per il vaccino Astrazeneca".

E Zaia ha quindi ribadito che "tutto ciò non toglie il fatto che io ho l'obbligo etico e morale di verificare se l'offerta sia reale, se i vaccini ci siano e siano buoni ed è per questo che fin dall'inizio, ancora prima di prendere contatti abbiamo chiesto ad Aifa che ci ha poi dirottato sul commissario Arcuri perché noi non siamo in grado di verificare l'autenticità dei vaccini".

E Zaia ha spiegato quindi che "il dg della Sanità del Veneto Flor per questo ha chiesto i codici dei lotti dei vaccini come suggerito dallo stesso Arcuri. Siamo in attesa che ci vengano presentati".