"Vaccino in arrivo, ma non per tutti. Non avremo quantità infinite, almeno all'inizio"

(Photo: Pier Marco Tacca via Getty Images)

Sul vaccino “siamo abbastanza avanti. Abbiamo una cinquantina di laboratori al lavoro nel mondo con vari tipi di approccio, entro fine anno sapremo se almeno uno di questi ha la probabilità di arrivare in porto. Ci sono interessi economici rilevanti, quindi grande competizione”. Lo afferma Silvo Garattini, presidente dell’Istituto Mario Negri di Milano, in un’intervista a Qn in cui precisa che del vaccino “non avremo quantità infinite, almeno all’inizio”. Per questo “occorrerà individuare i gruppi che hanno più bisogno, come anziani e operatori sanitari”.

“Ci saranno più tipi di vaccino, presumo, come è stato anche per la poliomielite”, osserva Garattini. “Oggi, per una persona anziana, è consigliato il vaccino antinfluenzale e anti-pneumococco. Se avremo un vaccino anche per il Coronavirus si potrebbe pensare a raggrupparli in un trivalente, non possiamo iniettare cento volte la stessa persona”

Leggi anche...

Garattini: "Fatti troppi errori. Tutti cercano cure e vaccini, ma in Italia la ricerca considerata meno di zero"

Love HuffPost? Become a founding member of HuffPost Plus today.

This article originally appeared on HuffPost.

Il nostro obiettivo è quello di creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano interagire tra loro sulla base di interessi e passioni comuni. Per migliorare l’esperienza della nostra community abbiamo sospeso temporaneamente i commenti agli articoli.