Vaccino Johnson & Johnson, Galli: "Più rischi in esame con mezzo di contrasto"

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1 minuto per la lettura

Vaccino Johnson & Johnson sospeso in via precauzionale negli Usa? "Sei casi di trombosi su quasi 7 milioni di somministrazione di vaccino anti Covid J&J sono un rischio molto basso. Quando si fa un esame diagnostico con mezzo di contrasto con il gadolinio, c'è una probabilità su un milione di morire". Commenta così, all'Adnkronos Salute, Massimo Galli, direttore della clinica di Malattie Infettive dell'ospedale Sacco di Milano, la raccomandazione dei Centers for Disease Control and Prevention e la Food and Drug Administration americani di 'mettere in pausa' l'uso del vaccino Johnson&Johnson contro come misura di estrema precauzione dopo i casi di trombosi che si sono verificati per almeno sei donne vaccinate. "E le probabilità" di morire "aumentano dai 3 ai 5 su un milione se si usa un mezzo di contrasto iodato. Cosa succederebbe se si bloccassero questi esami sulla base di tale rischio?", aggiunge e domanda l'esperto.