Vaccino Johnson&Johnson, nel Lazio certificato vaccinale dopo 72 ore

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1 minuto per la lettura

"Prime somministrazioni del vaccino Johnson&Johnson", al via da domani, 24 aprile, nel Lazio e "dopo 72 ore disponibile il certificato vaccinale su fascicolo sanitario elettronico". Lo annuncia l'assessore alla Sanità e l’integrazione sociosanitaria della Regione Lazio Alessio D’Amato.

"La particolarità del vaccino Johnson&Johnson è che si tratta di un monodose. Consentirà a 72 ore dalla somministrazione di avere sul fascicolo sanitario il certificato vaccinale. Con il monodose si dimezzano i tempi somministrazione e di immunizzazione. Finora sono arrivate 18mila dosi che saranno impegnate qui e all’outlet del Valmontone. Ci aspettiamo una nuova fornitura a fine mese, ma non sappiamo ancora quantitativo e data", ha detto l’assessore, ribadendo la necessità di avere "certezza" sulle date e quantitativo delle forniture. Vorrei che ci fosse la possibilità almeno a 45 giorni di avere certezza delle dosi e delle consegne".

"Sono già oltre 50 mila le prenotazioni partite oggi per 5 nuovi hub: Roma Cinecittà studios (Pfizer), Porta di Roma (Pfizer), via Quirino Majorana (raggiungibile con tram 8 – Pfizer), Vela Calatrava al Policlinico Tor Vergata (ingresso viale Archiginnasio – vaccino mono dose J&J), Outlet di Valmontone (modalità drive-in con vaccino mono dose J&J). con questi nuovi hub saliamo a 40 mila somministrazioni al giorno", aggiunge l'assessore.

D'Amato ha poi sottolineato che "non ci sono vaccini di serie a e di serie b. Tutti sono utili per sconfiggere il virus. Consentono una forte limitazione della letalità e lo abbiamo visto nel Regno Unito con l’abbattimento di vittime e contagi. Tutti i vaccini sono per noi utili, li consigliamo tutti. No a fare classifiche. Guai a perdere tempo nella ricerca del vaccino migliore, rischiando di aumentare contagi".