Vaccini Lombardia, Salvini: "Già data prima dose a metà over 80"

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1 minuto per la lettura

"Su 111 centri vaccinali" in Lombardia "ci sono stati problemi di ritardi in tre. E' la prima regione italiana per vaccini, ha già dato la prima dose alla metà degli over 80, la Toscana è ultima per dosi di vaccino destinate agli over 80". Lo ha affermato il segretario della Lega, Matteo Salvini, ospite di 'Stasera Italia' su Rete4. "Gli italiani stanno subendo da un anno questa vita a distanza. Che aprile sia veramente l'inizio della rinascita, della resurrezione, non solo di nostro Signore Gesù Cristo per chi crede, ma anche di sessanta milioni di italiani che si meritano un prudente, graduale, ritorno alla vita". "Fortunatamente -ha aggiunto- i dati delle terapie intensive e dei contagi ci dicono che la crescita della curva si è fermata, quindi ancora qualche giorno di pazienza e poi penso ci si possa riaffacciare con un calendario di aperture nel mese di aprile, ovviamente prima le regioni gialle". E a proposito delle dosi di vaccino AstraZeneca ad Anagni, Salvini dice: "Fino a che tu non rispetti quello previsto dal contratto io te li blocco".

"In un Paese normale chi non ha documenti viene rispedito nel suo Paese. Pensate che in Australia, in Canada, in Svizzera, in Brasile, in Arabia Saudita un italiano senza documenti possa andare in un centro vaccinale pretendendo qualcosa? Bisogna fare il massimo per garantire il vaccino a tutti gli italiani" ha detto a proposito della proposta di Giulio Tremonti di vaccinare anche quegli stranieri che sono privi di documenti. E rispetto alle domande di sanatoria che non sono state ancora evase, "andatelo a chiedere ai geni che si sono inventati la sanatoria, che è una boiata pazzesca", ha commentato il leader del Carroccio.