Vaccino Moderna, arrivate a Pratica di Mare 333.600 dosi

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·2 minuto per la lettura

È arrivato questa mattina all'aeroporto di Pratica di Mare, hub nazionale della Difesa, il secondo carico di vaccini Moderna, per un totale di 333.600 dosi. Dopo la suddivisione da parte del personale del ministero della Salute, è immediatamente iniziata la distribuzione nelle varie Regioni a cura delle Forze Armate nell'ambito dell'Operazione Eos. "Caserme, ospedali, farmacie, strutture pubbliche e private, ogni luogo potrà essere utile alla missione di vaccinare i cittadini italiani e anche i Drive Through della Difesa contribuiranno a far accelerare la campagna - ha commentato il ministro della Difesa Lorenzo Guerini - per vincere la battaglia contro il Covid bisogna mettere in campo ogni sforzo, senza risparmio di energie e lavorare tutti insieme in stretta sinergia, questa è una missione per l'Italia e i cittadini".

L'operazione Eos del ministero della Difesa, che si occupa del trasporto logistico dei vaccini e anche della somministrazione, è diretta dal Comando Operativo di Vertice Interforze della Difesa in stretta cooperazione con la struttura commissariale per l'emergenza coronavirus. In Lombardia, grazie alla collaborazione con Asst Santi Paolo e Carlo, oltre all'ospedale militare di Baggio con 1.300 vaccini al giorno, con la trasformazione del Drive Through di Parco Trenno di Milano potranno essere somministrati a pieno regime fino a 2.000 vaccini al giorno. Lunedì a Sant'Angelo lodigiano, grazie alla collaborazione con ASST di Lodi, verrà aperto un nuovo Presidio vaccinale con il supporto di personale sanitario militare con una capacità a pieno regime fino a 650 vaccini al giorno.

Da martedì, invece, nella cittadella militare della Cecchignola inizieranno le vaccinazioni a favore dei cittadini, con una capacità fino a 2.500 vaccini al giorno a pieno regime. Continua l'attività a Isernia, a Pomigliano d'Arco, a Cosenza, dove è stato riconvertito l'ospedale da campo dell'Esercito e a Caserta, un modello di sinergia tra Difesa e ASL, dove i militari hanno messo a disposizione le infrastrutture e personale per il supporto logistico e i medici dell'azienda sanitaria provvedono alle vaccinazioni con una capacità ad oggi fino a 1.300 vaccini al giorno, a pieno regime arriveranno a 2.000.