Vaccino obbligatorio in Italia, c'è una data: ecco quando si decide

·1 minuto per la lettura

Il vaccino anti-Covid potrebbe presto diventare obbligatorio in Italia. A riferirlo, intervistato da Il Messaggero, è l' ex direttore esecutivo dell’Ema Guido Rasi.

Il consigliere del generale Francesco Paolo Figliuolo, commissario per l’emergenza sanitaria, ha infatti ammesso che nei prossimi giorni il governo prenderà in esame l'andamento della vaccinazione, dell'epidemia e il numero di ricoveri e contagi per prendere la decisione finale: "Prendiamoci un po’ di tempo, se ci accorgiamo che la situazione si sta aggravando, decidiamo misure più stringenti, come l’obbligo".

Ma quando sarà presa la decisione? Rasi ha dichiarato: "Nella prima settimana di ottobre, al massimo a metà del prossimo mese. Abbiamo un mese per convincere a vaccinarsi i 3,2 milioni di over 50 non protetti. C’è un ottima risposta dei giovani, ma sugli over 50 ci sono problemi, non è sufficiente avere l’80 per cento di popolazione vaccinata, dipende anche da come è distribuita la copertura".

Sulla terza dose ha poi aggiunto: "Al momento i dati a disposizione la rendono necessaria per immunodepressi e operatori sanitari. Vedremo le prossime decisioni di Fda ed Ema. Ma la macchina organizzativa ormai è rodata".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli