Vaccino Sputnik, Zaia: "Se Campania lo compra avevo ragione"

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·3 minuto per la lettura

Campania comprerà vaccino Sputnik. "Se lo farà e il governo non avrà nulla da dire, allora tutti potranno comprarlo liberamente e avevo ragione io" commenta il presidente del Veneto Luca Zaia. "Se il governo non ha nulla da dire, conferma che le Regioni possono acquistare il vaccino e non era vero che i vaccini erano di esclusiva competenza dell'Unione europea". E ancora, per il governatore del Veneto, "la Campania fa bene. Ed io sono ancora in attesa di sapere se qualcuno è andato a vedere se chi ci aveva offerto i vaccini li aveva per davvero o meno".

Covid Veneto, la Regione 'spera' nella zona arancione dopo Pasqua. "L'indice Rt del Veneto è a 1,23, e ci avrebbe consentito di passare in zona arancione" spiega il governatore Luca Zaia, "ma abbiamo un'incidenza di 254 positivi su 100mila abitanti e per essere arancioni dovremmo avere al massimo 249 contagi ogni 100mila abitanti" e "quindi restiamo rossi". "C'è ancora uno 'strappo' da fare ma se continua così dopo Pasqua potremo tornare in arancione, e poi chissà, anche in giallo spero quindi che il passaggio sia dal 6 aprile".

"Le scuole si possono riaprire con i tamponi 'fai da te' o sotto tutor" ha assicurato il presidente del Veneto Luca Zaia oggi nel corso del punto stampa in cui ha spiegato che "le scuole di ogni ordine e grado devono riaprire: ormai siamo nelle condizioni di poterlo fare". E il governatore del Veneto ha affermato che "come nel resto del mondo si possono fare i test 'fai da te' o sotto tutoraggio per i più piccoli. E così si possono aprire anche in zona rossa".

Perché, ha tenuto a sottolineare Zaia, "i ragazzi stanno vivendo una tragedia: non solo i più piccoli, ma anche quelli delle superiori con la dad manca la socializzazione". E ancora Zaia ha spiegato che "purtroppo la Regione non ha competenza sulla scuola: se l'avessimo avuto avremmo già introdotto il tampone fai da te come del resto io stesso avevo chiesto per primo già 7-8 mesi fa, e come avviene già in tanti altri Paesi".

"Dopo gli 'angeli del fango' sono sicuro ci saranno anche i 'angeli dei vaccini'. Mi appello ai giovani che vogliono dare una mano anche solo per la parte amministrativa, per sveltire le pratiche. Infatti, ci sono già molti giovani che vogliono dare un aiuto in questa fase e sono tutti bene accetti". Perché, ha spiegato "dalla prossima settimana avremo 300mila vaccini alla settimana. Quindi bisogna potenziare le somministrazioni perché le dosi non restino in magazzino". E Zaia ha anche tenuto a ringraziare "i medici di base per il lavoro che stanno facendo: a Belluno i medici di famiglia hanno già fatto mille vaccini al giorno e non è poco per una provincia". E ancora: "grazie anche i sindaci che ci danno una mano a portare le lettere con le prenotazioni delle vaccinazioni nelle case degli anziani".

"I vaccini fatti nelle aziende non vengono tolti agli anziani. Il nostro obiettivo infatti rimane quello di vaccinare tutti gli over 80 e le categorie dei super fragili, oltre agli insegnanti, come previsto dalla norma nazionale. E i vaccini alle aziende verranno dati, almeno all'inizio in numero limitato". "Ieri abbiamo superato 24mila vaccini e contiamo di arrivare presto a 30mila e l'obiettivo, come previsto è quello di 50mila vaccini al giorno. E dalla prossima settimana avremo 300mila vaccini a settimana e quindi dobbiamo potenziare le somministrazioni perché in magazzino restino solo le dosi necessarie",