Vaccino under 12, Rasi: “Con circolazione del virus così bassa potrebbe essere evitato”

·1 minuto per la lettura
Rasi sul vaccino under 12
Rasi sul vaccino under 12

Secondo il microbiologo ed ex direttore dell’Ema Guido Rasi, se la circolazione del virus restasse così bassa e non si riscontrassero particolai problemi, il vaccino ai bambini under 12 potrebbe essere evitato. Ha dunque definito non scontata la copertura dei più piccoli così come non lo è la terza dose a tutti.

Rasi sul vaccino under 12

Intervistato da La Stampa, l’esperto ha evidenziato che un quadro più chiaro sul tema lo si avrà a fine novembre quando dovrebbe arrivare l’autorizzazione dell’ente regolatorio europeo per la vaccinazione dei più piccoli. A quel punto, ha aggiunto, si capirà se è davvero necessaria. A chi gli chiede se, qualora la situazione reggesse, non si vaccineranno i bambini, Rasi ha risposto che mentre negli Stati Uniti si nota una crescita di casi pediatrici, in Italia grazie a green Pass e mascherine potrebbe andare diversamente.

L’esperto si è inoltre detto prudente sulla necessità di un richiamo generalizzato: “Non è detto serva, saranno i dati dei prossimi due mesi a dirci quanto la popolazione sotto i 60 anni si reinfetterà“. Se poi si arriverà al 90% di vaccinati over 12 entro dicembre, secondo lui sarebbe un ottimo risultato: “La vaccinazione è rallentata, ma procede e migliora la nostra vita“.

Rasi sul vaccino under 12 e l’immunizzazione degli indecisi

Quanto alla strategia per convincere gli indecisi, Rasi ha spiegato che esistono ancora alcuni impauriti con cui si può ragionare e che la strategia del generale Figliuolo punta sui medici di famiglia, sull’accoppiamento con l’antinfluenzale e su una campagna personalizzata di convincimento.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli