"Vado a caccia di coupon: così parto in vacanza e faccio la spesa. È questo il mio lavoro"

HuffPost

Serena Guatta vive a Brescia, ha 37 anni, un figlio, e passa gran parte della giornata a cercare sconti, voucher e buoni online. Ha vinto decine di viaggi in posti da sogno, ben sette biciclette, tre planetarie per impastare i dolci e chi più ne ha più ne metta. L’ultimo premio? Ben diecimila euro, da destinare ad un comune a sua scelta per riqualificare o ampliare un parco giochi. 

La sua passione per il risparmio è talmente redditizia da spingerla a lasciare il suo lavoro da ragioniera: “Mi conveniva stare a casa”, ha affermato. Da quando ha detto addio al lavoro part time nello studio di un commercialista, Serena va a caccia di coupon. E’ una vera e propria divoratrice di volantini con le offerte dei supermercati e conosce alla perfezione tutti i concorsi che potrebbero fruttarle premi o sconti. Il suo obiettivo è fare la spesa spendendo pochissimo o, magari, anche gratis.

La fortuna però non le piove in testa per caso: la Guatta ha un “metodo scientifico” che osserva ogni giorno. Dopo aver portato il bimbo all’asilo, si dedica al giro dei supermercati, anche quelli che si trovano in comuni limitrofi. Ma se può, usa i buoni benzina.

Spinta da un’esigenza di “risparmio puro”, Serena racconta al Corriere della Sera di aver iniziato dopo essere rimasta incinta.

“Avevo tempo e mi sono accorta che il risultato era significativo. Quando sono tornata al lavoro ho fatto due conti. Il mio stipendio part time da ragioniera era pagato 950 euro al mese, contando gli assegni familiari, la tredicesima e quattordicesima. Netti erano circa 650, pari al risparmio che avevo imparato ad accumulare ogni mese dedicandomi alla ricerca di offerte, coupon e voucher. Così ho deciso di licenziarmi”. 

Tra i premi di cui è più orgogliosa, una Vespa vinta con i Tampax e una vacanza ad Ibiza e quella in un hotel cinque stelle di Firenze. Ha vinto anche una Nintendo Switch con il detersivo Ace e la Playstation con buoni Amazon. E scherza sul suo ipotetico...

Continua a leggere su HuffPost