Vaia sulla comunicazione in tempo di Covid: "Basta coi bollettini giornalieri"

·1 minuto per la lettura
vaia
vaia

Il professor Francesco Vaia, direttore scientifico dell’Istituto Spallanzani, parla della situazione pandemica in Italia e della comunicazione dei media.

Francesco Vaia sulla pandemia Covid: il bollettino quotidiano

Il professor Francesco Vaia, direttore scientifico dell’Istituto Spallanzani, è stato ospite nel salotto di Nicola Porro nella puntata di lunedì 20 dicembre di ‘Quarta Repubblica’, in onda come sempre su Rete 4. Vaia ha parlato in maniera critica della comunicazione ai tempi del Covid:Per me questa litania quotidiana del bollettino è da eliminarsi assolutamente. Non serve a nulla, tranne che a spaventare le persone.”

Francesco Vaia sulla pandemia Covid: le terapie intensive

Secondo Vaia quello che bisognerebbe monitorare davvero sono le terapie intensive e le ospedalizzazioni: Quello che dobbiamo osservare sempre di più sono le ospedalizzazioni, in particolare quelle con degenza per malattia grave.” Il professore sottolinea poi l’importanza delle cure domiciliari: “Per esempio, nel Lazio, abbiamo messo in campo una task force per fare le terapie che facciamo in ospedale a casa. In questo modo, le persone non sono costrette ad andare in ospedale e possono essere curate a casa con i monoclonali.”

Francesco Vaia sulla pandemia Covid: non esiste solo il vaccino

Vaia parla anche dell’efficacia comprovata del plasma iperimmune e dei monoclonali: “Abbiamo due strumenti, non alternativi ma complementari. Il vaccino s’è dimostrato uno strumento importante e va utilizzato. Abbiamo bisogno di serenità ed equilibrio. La scienza deve guidare questo percorso, e convincere senza spaventare.”

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli