Vaia: "Va allargato l'obbligo vaccinale"

·1 minuto per la lettura
(Photo by Donato Fasano/Getty Images)
(Photo by Donato Fasano/Getty Images)

"Vi sono due azioni da compiere assolutamente perché la situazione" del Covid in Italia "migliori ulteriormente e spero definitivamente. La prima è l'ampliamento dell'obbligo vaccinale a tutte le categorie di lavoratori che hanno rapporti con il pubblico. Non solo medici, professori e chi opera nella ristorazione, ma anche chi lavora nella grande e piccola distribuzione, voi giornalisti, chi guida gli autobus o fa politica". Così Francesco Vaia, direttore dello Spallanzani, intervistato da Libero.

VIDEO - I non vaccinati rischiano il contagio 6 volte in più dei vaccinati. I dati dell’ISS

Secondo punto è che "il governo dovrebbe impegnarsi per fare una fortissima operazione di persuasione verso le case farmaceutiche perché aggiornino i vaccini e li strutturino sulle nuove varianti. Dobbiamo rimodulare i vaccini e dirlo, basta dare la sensazione che vacciniamo per smaltire le scorte. Lo so che non è così ma spesso si avverte questa sgradevole sensazione".

"È sbagliato parlare di terza o quarta dose. Meglio dire che ogni anno c'è chi dovrà fare un richiamo, come gli anziani con l'anti-influenzale", prosegue Vaia, che sugli under 12 conclude: "Il vaccino non va fatto a tutti i bambini per impedirgli di contagiare gli adulti, ma solo a quelli già fragili di loro".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli