Vaiolo delle scimmie. L'OMS: "Le categorie a rischio riducano i partner sessuali"

"Informazione, consapevolezza e responsabilità". La ricetta dell'OMS contro il vaiolo delle scimmie

"Contro il vaiolo delle scimmie, il migliore rimedio è ridurre rischi di esposizione". L'Organizzazione Mondiale della Sanità si rivolge in particolare ai soggetti statisticamente più a rischio e, agli uomini che abbiano relazioni sessuali con altri uomini, consiglia di ridurre il numero dei propri partner. "Questa è un'epidemia che può essere fermata se i Paesi, le comunità e i singoli individui si informano, prendono sul serio i rischi che comporta e adottano le misure necessarie per fermare la trasmissione e proteggere i gruppi più vulnerabili", ha detto il direttore generale dell'OMS, Tedros Adhanom Ghebreyesus.

Ci si informi e si prendono sul serio. Per fermare questa epidemia dobbiamo anzitutto proteggere i gruppi più vulnerabili

I vaccini si moltiplicano, ma tanti dati mancano

Noto sotto la sigla MVA-BN, un vaccino contro il vaiolo delle scimmie è stato approvato in in Canada, Unione Europea e Stati Uniti. Nell'attesa che studi più approfonditi forniscano ulteriori dettagli su efficacia e numero di dosi necessarie, altri due vaccini sono già allo studio.

Per quanto non venga attualmente considerata una malattia sessualmente trasmissibile, il 98% dei casi di vaiolo delle scimmie finora recensiti, riguarderebbero uomini che hanno rapporti con altri uomini. Da qui, la raccomandazione dell'Organizzazione Mondiale della Sanità a un tracciamento dei contatti, simile a quello adottato per il Covid. Degli oltre 18.000 contagi contati su scala mondiale in oltre 75 paesi, quasi i due terzi sono stati registrati in Europa.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli