Vaiolo delle scimmie, Oms: "Europa epicentro epidemia, agire rapidamente"

(Adnkronos) - "La Regione europea dell'Oms rimane l'epicentro dell'epidemia di vaiolo delle scimmie più grande e geograficamente più diffusa mai segnalata al di fuori delle aree endemiche dell'Africa occidentale e centrale. Ora abbiamo un'opportunità fondamentale per agire rapidamente, insieme, per indagare e controllare velocemente questa situazione in rapida evoluzione". Lo ha affermato Hans Kluge, direttore dell'Ufficio regionale dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) per l'Europa, in una dichiarazione diffusa oggi.

"Ogni giorno sono presenti nuovi pazienti" con vaiolo delle scimmie, ma "le indagini sui casi passati - ha sottolineato Kluge - mostrano che l'epidemia nella regione" europea "era certamente in corso già a metà aprile. La trasmissione rapida" e più ampia di questo virus "si è verificata nel contesto della recente revoca delle restrizioni pandemiche su viaggi e eventi internazionali. Il potenziale di ulteriore trasmissione in Europa e altrove durante l'estate è elevato. Il vaiolo delle scimmie si è già diffuso sullo sfondo di diversi raduni di massa nella regione. Nei prossimi mesi, molte delle decine di festival e grandi feste in programma forniranno ulteriori contesti in cui potrebbe verificarsi un'amplificazione" del contagio, avverte in una dichiarazione.

"I forti sistemi diagnostici e di sorveglianza in diversi Paesi europei, insieme ai rapidi meccanismi di condivisione transfrontaliera delle informazioni, devono essere lodati per il fatto che l'epidemia viene alla luce", puntualizza Kluge. Sulla base dei casi clinici registrati fino ad oggi, appare che "questo focolaio è attualmente trasmesso attraverso reti sociali collegate in gran parte attraverso l'attività sessuale, che coinvolge principalmente uomini che hanno rapporti sessuali con uomini. Molti, ma non tutti i casi, segnalano partner sessuali fugaci e/o multipli, a volte associati a grandi eventi o feste. Dobbiamo ricordare, tuttavia, come abbiamo visto da precedenti focolai, che il vaiolo delle scimmie è causato da un virus che può infettare chiunque e non è intrinsecamente associato a nessun gruppo specifico di persone".

"Le comunità gay e bisessuali - prosegue Kluge - hanno un'elevata consapevolezza e un rapido comportamento di ricerca della salute quando si tratta della salute sessuale loro e delle loro comunità. In effetti, dovremmo applaudire la loro presentazione precoce ai servizi sanitari". I grandi eventi in programma possono essere "opportunità per impegnarsi con persone giovani, sessualmente attive e che si muovono a livello globale per aumentare la consapevolezza e rafforzare la protezione".

"Non sappiamo ancora - ha chiarito Kluge - se il virus del vaiolo delle scimmie possa diffondersi da una persona all'altra attraverso lo sperma o i fluidi vaginali, né se possa persistere in questi fluidi corporei per periodi di tempo più lunghi. Sappiamo che la maggior parte delle persone che contraggono Monkeypox avrà una malattia lieve ma che può durare fino a diverse settimane. E non sappiamo ancora quale impatto sulla salute ci sarà in bambini piccoli, donne incinte e persone immunocompromesse".

Tuttavia, prevede il rappresentate dell'Oms, "a partire da ora, una risposta efficace al vaiolo delle scimmie non richiederà le stesse ampie misure di popolazione di cui avevamo bisogno per Covid-19 perché il virus non si diffonde allo stesso modo. Ma, e questo è importante, non sappiamo ancora se riusciremo a contenerne del tutto la sua diffusione. Per questo, abbiamo bisogno di una riduzione significativa e urgente nell'esposizione" al Monkeypox virus "attraverso una comunicazione chiara, un'azione guidata dalla comunità, l'isolamento dei casi durante il periodo infettivo e un'efficace tracciabilità e monitoraggio dei contatti".

Monkeypox non è stato in prima linea nella ricerca e sviluppo nel campo delle malattie infettive, osserva Kluge. Ed è "improbabile che gli strumenti per gestirlo, che includono diagnostica, vaccini e terapie prontamente disponibili, siano immediatamente o ampiamente accessibili ai Paesi. Sebbene un vaccino (Mva-Bn) e un trattamento specifico (tecovirimat) siano stati approvati per il vaiolo delle scimmie rispettivamente nel 2019 e nel 2022, queste contromisure non sono ancora ampiamente disponibili. Il nostro obiettivo è contenere questo focolaio interrompendo la trasmissione da uomo a uomo nella massima misura possibile"

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli