Vaiolo delle scimmie, primo caso in Toscana

Vaiolo delle scimmie, primo caso in Toscana (Getty)
Vaiolo delle scimmie, primo caso in Toscana (Getty)

Primo caso di vaiolo delle scimmie in Toscana, il quarto in Italia. Si tratta di un uomo di Arezzo di 32 anni che ha manifestato sintomi dopo essere rientrato da una vacanza alle isole Canarie. Risultato positivo al vaiolo delle scimmie è ora ricoverato presso il reparto di Malattie Infettive dell’ospedale San Donato di Arezzo.

Lo fanno sapere la direzione generale della Asl Toscana Sud Est e l’Istituto Nazionale Lazzaro Spallanzani di Roma.

LEGGI ANCHE: Vaiolo delle scimmie: cosa sappiamo della diffusione in Italia

Il ragazzo, rientrato in Italia il 15 maggio, ha subito mostrato sintomi della malattia. Nei giorni successivi al suo rientro non ha avuto contatti con i familiari perché vive da solo. Il 20 maggio è andato dal proprio medico di base il quale lo ha indirizzato agli ambulatori di Malattie Infettive.

GUARDA ANCHE: Vaiolo delle scimmie, casi in aumento in Europa

L’Istituto di Arezzo, viste le lesioni cutanee del 32enne, ha contattato l’Istituto Nazionale Lazzaro Spallanzani per un parere e per l’invio dei campioni per la conferma di laboratorio.

Il 22 maggio è arrivata la conferma della positività di tutti i campioni esaminati. A quel punto è iniziato il tracciamento. L’Asl ha individuato tutti i contatti della persona che sono stati raggiunti e per i quali è scattata una sorveglianza per i prossimi 21 giorni. Le persone dovranno monitorare l’insorgenza di sintomi specifici della malattia come vescicole e pustole, febbre, malessere e ingrossamento dei linfonodi.

LEGGI ANCHE: Vaiolo delle scimmie, primo caso in Italia: le cose da sapere sulla malattia

L’Oms ieri aveva fatto sapere che i casi di vaiolo delle scimmie confermati nel mondo erano saliti a 92, mentre 28 erano quelli sospetti. La situazione, aveva sottolineato l’Organizzazione, è in evoluzione e si prevede “che ci saranno più casi di vaiolo delle scimmie identificati, man mano che la sorveglianza si espande nei Paesi non endemici".

GUARDA ANCHE: Cos’è il vaiolo delle scimmie

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli