Vaiolo delle scimmie, Spallanzani: "Non è malattia solo a trasmissione sessuale"

(Adnkronos) - Il vaiolo delle scimmie "non si può definire ancora strettamente come una malattia a trasmissione sessuale. Il contagio avviene attraverso contatti stretti, come i rapporti sessuali che però non sono gli unici contatti stretti possibili". A precisarlo è Andrea Antinori, direttore dell’Unita Immunodeficienze virali dello Spallanzani.

"Eviterei quindi di identificare questa malattia come una malattia a trasmissione sessuale al momento, e soprattutto - afferma l'esperto - di identificare la popolazione di uomini che fanno sesso con uomini come portatori di questa malattia. No allo stigma: questa malattia va ancora compresa perché siamo di fronte a un'ondata nuova, diversa da come l'abbiamo storicamente conosciuta nei decenni precedenti", chiarisce in conferenza stampa all’istituto, aggiungendo che "stiamo studiando e facendo ricerche per capire se il virus è contenuto nello sperma".

"La trasmissione da uomo a uomo - spiega Antinori - caratterizza buona parte dei casi segnalati in Europa recentemente. Era considerata abbastanza rara, ma ora è relativamente comune in questi focolai europei, anche i casi italiani confermano la tendenza già vista in altri Paesi europei", chiosa.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli