Val Kilmer e la malattia: "Devo sempre fare una scelta tra mangiare o respirare"

·2 minuto per la lettura

Val Kilmer continua la sua difficile guerra contro la malattia, come rivelano le sue ultime dichiarazioni rilasciate alla rivista People. Il popolare ed amatissimo attore sei anni fa ha ricevuto la diagnosi di cancro alla gola, si è sottoposto a molti cicli di radioterapia e chemioterapia e ha subito anche una tracheostomia che lo ha privato della voce.

A People, Val Kilmer ha raccontato: “È difficile. Ci sono giorni in cui devo scegliere se mangiare o respirare” e ha continuato: “Sto molto peggio di come mi sento. Non posso parlare senza tappare questo buco nella gola. Devo sempre fare una scelta tra mangiare o respirare. Mi nutro con un sondino. È un ostacolo. Ma non vedo l'ora di capire cosa mi riserva adesso il futuro. Io so che mi sono comportato in maniera bizzarra con alcune persone e non nego niente di tutto questo, non ho rimpianti perché ho perso molto ma ho anche ritrovato parti di me stesso che non sapevo esistessero. Mi sento benedetto”.

Val Kilmer è stato di recente tra i grandi protagonisti del Festival di Cannes dove è stato presentato il documentario “Val”, pubblicato su Amazon Prime Video, e che offre un resoconto fedele della vasta e prestigiosa carriera prima del suo ritiro dalle scene. Per “Val”, Val Kilmer ha ricevuto un'ovazione al Festival di Cannes per il documentario che è co-diretto da Leo Scott e Ting Poo ed è stato prodotto dallo stesso Kilmer in collaborazione con i due figli, Mercedes e Jack.

A proposito di questo progetto, l’attore ha spiegato: “Adesso che è più difficile parlare, voglio raccontare la mia storia più che mai”. “Val” ha come voce narrante quella di Jack e si compone di materiale raccolto con tutte le ore di video che l'attore ha girato in 40 anni e di momenti intimi relativi alla vita privata dell’attore di “Top gun” e “Batman”. (in collaborazione con ultimora.news)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli