Valanga in Turchia, almeno 28 morti: travolti anche i soccorritori

Valanga in Turchia, almeno 28 morti: travolti anche i soccorritori

Una valanga di neve ha colpito l’est della Turchia, proprio al confine con l’Iran. I media locali riportano il tragico bilancio dei morti: almeno 28 persone hanno perso la vita, altre 30 sono state estratte vive dalle macerie. Il distretto colpito è quello di Bahcesaray, nella provincia di Van, in Turchia orientale. Il sindaco della cittadina di Meki Arvas, duramente provata dall’evento, ha ammesso che ci sono ancora decine di dispersi sotto la neve.

Il governatore della provincia di Van, Mehmet Emin Bilmez, ha già attivato la macchina dei soccorsi. Purtroppo, gli operatori sono fortemente ostacolati dalla difficile situazione atmosferica. I filmati della televisione nazionale mostrano i cittadini armati di pale e bastoni, per scavare nella neve e facilitare il passaggio dei mezzi.

Valanga in Turchia: travolti anche i soccorsi

Immediato l’arrivo dei soccorritori sul posto, per aiutare le persone colpite dalla valanga di martedì 4 febbraio. Tuttavia, una seconda e terribile valanga ha travolto molti operatori. La squadra di circa 300 uomini era infatti stata mandata sul luogo per aiutare i cittadini intrappolati dalla neve. Mercoledì 5 febbraio si è però verificata una seconda valanga di neve, ancora più violenta. Bilmez ha dichiarato ai giornalisti: “Ci sono morti tra soccorritori e volontari. Otto gendarmi, tre guardie di sicurezza, tre vigili del fuoco e nove civili che hanno contribuito all’operazione di salvataggio, sono morte 23 persone”.

Il ministro dell’Interno Suleyman Soylu assicura che la protezione civile sta facendo il possibile per facilitare la situazione. Tuttavia, il numero preciso dei dispersi sotto la valanga di neve è ancora sconosciuto.