I valdesi volontari al confine Italia-Francia: "Sui migranti le violenze della gendarmerie e i muri del Decreto Salvini"

Luciana Matarese

Rincorso dai cani sguinzagliati dalla gendarmerie, ha passato la notte, con le temperature che possono scendere fino a meno dodici gradi, nascosto nella neve. I piedi non gli verranno amputati, ma i medici dicono che per tornare a camminare ci vorrà tempo. Ha quindici anni. Cinque in meno del ventenne che ha raccontato di essere stato inseguito dalla polizia francese in motoslitta, portato in caserma e derubato del denaro. Entrambi migranti che di recente avevano provato a raggiungere la Francia dall'Italia, entrambi respinti. Storie oscurate dall'odissea dei quarantanove a bordo di Sea Watch e Sea Eye.

"La quotidianità di quello che accade sul confine", ha scritto qualche giorno fa su Facebook, rilanciando le due testimonianze raccolte da volontari francesi di Briançon, Davide Rostan, pastore valdese, membro della rete di volontari che in Val di Susa offre assistenza e supporto quotidiani ai migranti che provano a passare la frontiera. Dove, oltre a "episodi di ordinaria violenza arbitraria - così li definisce - da parte della gendarmerie, che continua a respingere anche i minori, in certi casi falsificando le date di nascita", si registrano quelli che secondo il pastore valdese sono "gli effetti del decreto Salvini".

A Bardonecchia e Clavière. Se a Bardonecchia, dopo il caso, anche diplomatico, esploso a marzo scorso in seguito all'irruzione di agenti della dogana francese in un presidio per migranti, i flussi di quanti tentavano di oltrepassare il confine sono diminuiti, a Clavière, sul limite della frontiera, la situazione è rimasta pressoché stabile. Stime ufficiali ancora non ce ne sono, "ma i numeri sono più o meno quelli di sempre, forse c'è stata una flessione anche per la diminuzione degli sbarchi, ma è minima", scandisce Rostan.

Le differenze rispetto al passato, però, ci sono. "È cambiata la composizione: per la stragrande maggioranza, non si tratta più, come accadeva fino all'anno passato, di persone arrivate in Italia e...

Continua a leggere su HuffPost