Valente (Pd): decisione su Faraone sa troppo di battaglia interna

Pol/Luc

Roma, 20 lug. (askanews) - "Annullare un congresso regionale dopo che la precedente commissione nazionale di garanzia si era già pronunciata, capovolgendone l'esito e smentendone la relativa decisione è una scelta che sa troppo di battaglia politica interna e non rende onore ai principi che regolano quella grande comunità che sono i democratici. Il Pd è l'unico partito che vive infatti grazie anche a regole interne condivise e trasparenti, magari faticose e spesso dure, ma che ne fanno la sola realtà politica realmente democratica nello scenario italiano. Attenzione a calpestare questi principi e generare sospetti di parzialità e faziosità da parte degli organi di garanzia perché così si mina dal profondo il senso di appartenenza a una comunità fondata su processi di partecipazione e decisione realmente democratici. Mi auguro che il segretario lavori nelle prossime ore in questa direzione: siamo un partito che deve e può fare della sua pluralità interna un elemento di ricchezza e forza . E in questa direzione il segretario nazionale si è sempre espresso facendone addirittura la cifra del suo agire. Sarebbe un grave errore negare proprio ora questa strada". Così in una nota la senatrice del Pd Valeria Valente, ex membro della commissione garanzia dei dem.