Valeria Golino: “Il dolore è un'opportunità, ma non lasciateci soli. Scamarcio? Siamo indivisibili ma non siamo mai stati amici”

Giuseppe Fantasia

L'euforia è una sensazione bella e pericolosa che nasconde sempre altro e, di solito – come ci ricorda la scrittrice e sceneggiatrice Francesca Marciano, "è una sorta di schermo sopra una piccola ansia". Siamo euforici se abbiamo qualcosa che ci turba e l'euforia cela sempre il suo contrario, dimostrando che la felicità e la serenità sono ben altro. Per Valeria Golino, attrice, regista e produttrice, "una donna docile con un gran difetto, l'ignavia" - confida all'HuffPost - è un tema che andava trattato.

E' per lei quel sentimento che coglie i subacquei a grandi profondità, "sentirsi pienamente felici e totalmente liberi". "È la sensazione a cui deve seguire l'immediata decisione della risalita prima che sia troppo tardi, prima di perdersi per sempre in profondità", ci spiega. Siamo seduti nel giardino dell'hotel dove Ettore Scola aveva casa. Attorno a noi, gente – tanta, troppa – cibo e vino di qualità, qualche americano con le infradito, una signora col cappotto leopardato e poi lei, bionda e riccia, che ci fissa con i suoi occhi celesti perfezionando il tutto con un tono di voce caldo e sensuale. Il 25 ottobre prossimo esce per Ht Film, Indigo Film e Rai Cinema il suo nuovo film, presentato in esclusiva a Cannes lo scorso maggio nella sezione Un certain Regard. Si intitola proprio "Euforia", ed è la storia di due fratelli, Matteo (Riccardo Scamarcio), giovane imprenditore di successo, spregiudicato e dinamico, ed Ettore (Valerio Mastandrea), che vive ancora nella piccola città di provincia dove sono nati entrambi.

All'apparenza sono agli antipodi, ma in realtà la vita li obbligherà a riavvicinarsi per via di una situazione molto complicata, occasione per conoscersi e scoprirsi di nuovo. Nel cast ci sono anche Isabella Ferrari, Valentina Cervi, Andrea Germani, Marzia Ubaldi e Jasmine Trinca. La Golino lo ha scritto proprio con la Marciano e con Valia Santella, un tris d'assi che ha già scritto il suo film precedente, il primo, "Miele",...

Continua a leggere su HuffPost