Valter Longo: "Bimbi obesi per quello che è diventata la Dieta Mediterranea.Troppa carne rossa, formaggio e pasta"

Nicoletta Moncalero

Non le merendine e neppure le bibite zuccherate. Il problema è la dieta mediterranea. “La dieta mediterranea, quella che è diventata, è il motivo per cui i bambini italiani sono sempre più in sovrappeso e obesi”. Parola di Valter Longo, uno dei maggiori esperti al mondo della relazione tra nutrizione, longevità e salute. “La mia ricerca nasce da un’urgenza, un allarme - spiega -. l’Italia ormai è come gli Stati Uniti: su dieci bambini, quattro sono in sovrappeso e due sono obesi. Oltre il 60 per cento dei genitori non se ne rende conto. Il problema non è dovuto al junk food, ma alla dieta mediterranea: solo il 20 per cento delle famiglie la segue veramente”. I bambini italiani mangiano quindi troppo pane, pasta, pizza e patate, ogni giorno l’equivalente di cinque lattine di bevande gassate o di dieci cucchiaini di zucchero. 

Con un team di esperti di nutrizione pediatrica Valter Longo ha convertito la dieta della longevità in un regime alimentare che possa essere seguito fin da piccoli. Perché la longevità si conquista fin da piccoli. Rispetto alla Dieta della Longevità per adultici sono ovviamente differenze. “A differenza di quanto avevo suggerito per gli adulti - spiega Longo - per i bambini e per i ragazzi consiglio anche una porzione di carne rossa, una di carne bianca e 2-3 uova alla settimana. Molti bambini e ragazzi non mangiano pesce e quindi per loro bisogna compensare con legumi e carne bianca preferibilmente biologici. Inoltre va bene qualche porzione di formaggio alla settimana e un’aggiunta di formaggio grattugiato sulla pasta o il riso”. Non si parla di dieta mima-digiuno per i bambini, ma di un arco temporale da rispettare, quello delle 12 ore in cui limitare i pasti.

In “La Longevità inizia da bambini” (Vallardi) Longo risponde anche ai dubbi più comuni delle mamme italiane: dall’alimentazione in gravidanza, all’adeguatezza delle diete veg in adolescenza; dalle quantità di cibo adatte per un bambino in...

Continua a leggere su HuffPost