Varato dalla giunta Gualtieri un programma per chiudere i siti di Candoni, Salviati e Lombroso

Il sindaco di Roma Roberto Gualtieri
Il sindaco di Roma Roberto Gualtieri

Roma vara una iniziativa che potrebbe evitare una volta per tutte muscolari  prove di forza con la polizia e mette a disposizione un bonus di 10mila euro ai nomadi per lasciare i campi rom. È stato infatti varato dalla giunta guidata da Roberto Gualtieri un programma per chiudere i siti di Candoni, Salviati e Lombroso entro il 31 dicembre e inserire in società gli attuali abitanti. La notizia l’ha data il Messaggero e il piani in questione ha in previsione “anche sostegni economici, fino a diecimila euro, per aiutare gli occupanti a trovare una casa, oltre alla regolarizzazione dei documenti di soggiorno e di residenza, all’inserimento nel mondo del lavoro e alla scolarizzazione dei bambini”.

Bonus ai nomadi per lasciare i campi rom

Ma quali sono le iniziative specifiche? “Orientamento, consulenza e informazione per l’accesso al mercato del lavoro, tirocini e corsi di formazione, poi laboratori educativi e di apprendimento e sviluppo di abilità professionali dedicati agli adolescenti e ai giovani adulti”. Il Campidoglio vuole venire insomma incontro ad un modello di recupero sociale che abbia un margine di successo a medio-lungo termine. In tema di inclusione lavorativa sono previsti contributi che potranno arrivare ad un massimo di cinquemila euro per ogni nucleo familiare. Quelle somme sono tra l’altro destinate anche all’avvio di piccole realtà imprenditoriali.

Sostegno per impresa ed abitativo

E per avere il sostegno di tipo abitativo? In quel caso servirà “la sottoscrizione e la registrazione del contratto di locazione per alloggi singoli o in coabitazione e sarà erogato direttamente ai proprietari degli immobili locati per un importo massimo di 800 euro al mese”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli