"Vi ammazzo": 50enne minaccia e aggredisce due ragazze con coltello

Padua, Italy - July 22, 2018 Police patrol car in Padua during security activity.

Paura nel centro di Varese per una 15enne che, sabato notte, è stata aggredita da uno sconosciuto. Secondo quanto riportato dalla redazione di Varesenews la giovane, insieme ad un'altra amica 14enne, era in attesa della madre di quest'ultima per tornare a casa quando è stata avvicinata da un 50enne.

Secondo quanto ricostruito l'uomo le avrebbe seguite a piedi e, prendendo la 15enne per la maglia, l'ha ferita al viso e al braccio con un coltello gridando "Vi ammazzo". La 14enne è riuscita a fuggire chiamando i soccorsi, l'uomo è ricercato. "Eravamo in attesa di mia mamma dopo aver passato la serata in centro insieme ad altri nostri amici" le parole della 14enne. La giovane, ricostruendo l'accaduto, ha proseguito: "Ad un certo punto questo signore si è avvicinato, ha cominciato a urlare 'Vi ammazzo' e ha tirato fuori un coltello seghettato. Io l’ho visto in faccia, ho visto che aveva una cicatrice ben visibile e del sangue in testa e sul volto”.

GUARDA ANCHE - Aggredisce due donne senza motivo, arrestato

“Sembrava italiano- ha proseguito la giovane-. Ha preso la mia amica e le ha dato due coltellate, ferendola in viso, sotto l’occhio, e sul braccio. Io sono scappata, sono riuscita a chiamare il 118 e ad arrivare ad un bar e a chiedere aiuto: sono uscite un po’ di persone e lo squilibrato che ci ha aggredite è scappato".

LEGGI ANCHE - Picchia a sangue la donna che lo vuole lasciare, arrestato

"La mia amica si è trascinata fino in via Carducci. Poi è arrivata una volante della polizia e l’ambulanza che ha portato la mia amica in ospedale: le hanno dato i punti e l’hanno medicata, i medici dovranno valutare se intervenire chirurgicamente, l’ha colpita sul volto sfregiandola. Tremo ancora a parlarne, è stato bruttissimo. Non è possibile che si possa avere paura a stare fuori di casa in pieno centro, è una cosa che non accetto", ha aggiunto la 14enne che dovrà riconoscere l'aggressore. L'uomo è conosciuto dalle forze dell'ordine, che sono sulle sue tracce.