Variante Covid Inghilterra, "da Londra in lockdown allarmante esodo"

webinfo@adnkronos.com
·2 minuto per la lettura

Londra, Sud-Est ed Est dell'Inghilterra ufficialmente in lockdown per il 'livello 4', il livello di restrizioni più severo mai adottato, dopo la scoperta di una nuova variante di Coronavirus che sembra essere più rapida nel diffondersi e più contagiosa.

Le nuove restrizioni con lockdown annunciate ieri pomeriggio dal primo ministro Johnson e del governo britannico, spiega il Guardian, "sembrano aver provocato" nella serata di ieri "un allarmante esodo di persone da Londra che speravano di evitarlo recandosi in altre parti del Paese (meno colpite da Covid). Speriamo che questo non si traduca in più casi in quelle regioni, ma è difficile vedere come sarà", la riflessione.

Dopo le scene delle stazioni di Londra prese d'assalto dalle persone che hanno cercato di lasciare la capitale prima che entrasse in vigore il lockdown alla mezzanotte, il governo comunica che saranno dispiegati poliziotti a Londra e nelle altre aree dell'Inghilterra per controllare le partenze. "Se siete in una zona livello quattro, la legge prescrive che rimaniate a casa e non potete trascorrere la notte fuori", ha dichiarato Grant Shapps, sottosegretario responsabile per i viaggi. "Per favore seguite le indicazioni e non recatevi in una stazione a meno che non abbiate il permesso di viaggiare - ha aggiunto - saranno dispiegati agenti aggiuntivi per garantire che solo chi deve fare viaggi essenziali possa viaggiare in sicurezza".

L'Oms informa intanto via Twitter di essere "in stretto contatto con i funzionari del Regno Unito sulla nuova variante del virus Covid-19. Continueranno a condividere informazioni e risultati delle loro analisi e studi in corso. Aggiorneremo gli Stati membri e il pubblico man mano che apprenderemo di più sulle caratteristiche di questa variante del virus e su eventuali implicazioni".

La nuova variante di Covid-19 è stata identificata nel Regno Unito "attraverso la sorveglianza genomica della Public Health England". A dichiararlo è stato Chris Whitty, Chief Medical Officer del Paese in una nota ufficiale diffusa ieri, dopo che c'era stato un primo annuncio lunedì scorso. "E si ritiene ora che il nuovo ceppo possa circolare più velocemente, vista la rapida diffusione della variante, i dati che emergono da modelli preliminari e i tassi di incidenza in rapido aumento nel Sud-Est" dell'Inghilterra. "Abbiamo allertato l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) - informa l'autorità sanitaria inglese - e stiamo continuando ad analizzare i dati disponibili per migliorare la nostra comprensione" dell'impatto di questa variante. In questo momento "non ci sono evidenze che suggeriscano che il nuovo ceppo causi un tasso di mortalità più elevato o che influisca sui vaccini e sui trattamenti - precisa l'esperto - sebbene sia in corso un lavoro urgente per confermarlo". "Alla luce di questi ultimi sviluppi - la conclusione - è ora più vitale che mai che si continui ad agire per ridurre la trasmissione" del coronavirus Sars-CoV-2.