Variante Delta, Burioni: "Restano pochi i casi gravi di contagio, ma serve vaccinarsi"

·1 minuto per la lettura
variante Delta Burioni
variante Delta Burioni

Mentre preoccupa la diffusione della variante Delta, che è causa del rialzo dei contagi in Italia e all’estero per via della sua maggiore contagiosità, Roberto Burioni raccomanda di proseguire con le vaccinazioni, perché bisognerà ottenere il 90% dei vaccinati per contenere l’emergenza coronavirus. I cittadini intanto sperano in un autunno più sereno, evitando di commettere gli errori del 2020. Dopo lunghi periodi di lockdown, la speranza è tutta riposta nei vaccini, affinché contengano il diffondersi del virus ed evitino nuove pressioni sugli ospedali.

Variante Delta, le raccomandazioni di Burioni

Sebbene siano ancora in corso gli studi per verificare l’effettiva validità del vaccino per prevenire l’infezione e la variante Delta, l’obiettivo è proseguire a ritmo spedito con le vaccinazioni anti-Covid.

A tal proposito, il virologo Roberto Burioni ha dichiarato: “Dobbiamo raggiungere oltre il 90%” di persone vaccinate “per una vera vittoria” sul Covid-19.

“Non doveva andare così. I casi sono scesi a zero a giugno dopo una delle campagne di vaccinazione più aggressive al mondo, poi è arrivata Delta”. A dirlo è Eric Topol, lo scienziato americano che ha commentato il grafico dell’impennata dei contagi registrati in Israele con la variante Delta. Ma Burioni ribatte: “Il quadro attuale non sorprende”, perché “gli israeliani completamente vaccinati sono meno del 60%”. In Israele la campagna vaccinale è “iniziata in modo molto aggressivo, ma lasciando più del 40% della popolazione suscettibile con una variante contagiosa come Delta”.

Variante Delta, Burioni: “Infezioni gravi restano basse”

Roberto Burioni ha descritto l’attuale andamento della pandemia, ricordando che “l’infezione grave rimane bassa”.

Nonostante alcune Regioni italiane si stiano sempre più avvicinando all’introduzione della zona gialla, la gravità della malattia sembra più controllata e per il virologo è un “dato importante”.

Variante Delta, Burioni contro i no vax

Su Twitter si susseguono i commenti di Burioni, che non nasconde le sue opinioni.

Parlando delle insegnanti no vax, infatti, ha dichiarato: “Gli insegnanti che senza motivo rifiutano il vaccino mettendo a rischio i loro studenti (che dovrebbero proteggere e formare con il buon esempio) non dovrebbero essere tamponati gratuitamente, ma licenziati immediatamente. Vergogna per i sindacati che li difendono”.

Per il virologo, “bisogna vaccinare non solo gli insegnanti, ma pure gli studenti.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli