Variante Delta in Lombardia, i dati preoccupano

·2 minuto per la lettura

La variante Delta (ex indiana) non riguarda solo la Gran Bretagna. In Italia, nello specifico in Lombardia, come riporta in esclusiva il Corriere della Sera, i numeri dei contagi sono preoccupanti e ben più elevati di quanto si possa pensare. 

Quelli accertati in regione sono finora 81: si tratta di soggetti risultati positivi al Covid a cui è stata genotipizzata la variante del Covid-19. A Milano la Delta preoccupa soprattutto per il focolaio nella palestra Virgin di Città Studi, dove i contagi sono saliti a 12 e, tra i positivi, c’è un infettato dalla variante Delta nonostante avesse completato il ciclo vaccinale. Degli altri 11 si attendono i risultati di laboratorio. Solo uno è ricoverato.

Perché gli esperti sono così preoccupati dalla diffusione della variante indiana? Perché può aumentare il contagio e abbassare le barriere offerte dal vaccino. Dal 20 dicembre 2020 al 14 giugno 2021, su 16.638 genotipizzazioni, sono stati rilevati 81 casi di variante indiana. La variante inglese (ormai autoctona) è la più presente, con 11.373 casi, a cui seguono la brasiliana (283) e la sudafricana (79)

Osservando le mutazioni inglese, indiana, sudafricana e brasiliana, i casi rilevati crescono mese su mese: dai 20 di dicembre ai 4.342 di maggio quella inglese, da 1 a 30 quella sudafricana, da 3 a 120 la brasiliana. Quella indiana inizia a essere riscontrata ad aprile con due casi: a maggio altri 70, a giugno per ora 9. Quindi ora la questione che l’ultimo focolaio ha riportato a galla riguarda i positivi al Covid già vaccinati.

La Lombardia finora ha somministrato 7,3 milioni di vaccini, di cui 5,1 milioni di prime dosi. E sono 18.175 i cittadini risultati positivi dopo essere stati vaccinati: 13.225 dopo la prima dose (lo 0,25%) e 4.950 dopo la seconda (lo 0,22%). Più donne che uomini: 11.181 contro 6.994 e la maggior parte (12.069) post vaccino Pfizer, che è quello inoculato al 67% dei vaccinati.

GUARDA ANCHE - Variante Delta, Draghi: "Quarantena per arrivi da Gb se più casi"

Secondo il virologo Fabrizio Pregliasco la presenza di variante Delta è ancora "sottostimata: in Gran Bretagna è presente nell’85% dei casi isolati, con una maggiore contagiosità del 50%. Per questo dobbiamo fare più tracciamento e genotipizzazioni: se lo facciamo ora riusciamo ad evitare il peggio". Questo "deve darci la spinta a vaccinarci: nonostante la variante abbia una maggiore capacità di “bucare” la copertura, il vaccino evita l’infezione da variante tra il 70 e l’80%, e mantiene il 95% di capacità, con due dosi, di evitare le forme di infezioni più gravi", spiega l'esperto. 

GUARDA ANCHE - Fake News, se mi vaccino posso non usare la mascherina

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli