Variante Delta Italia, Bassetti: "No panico, vaccino funziona"

·2 minuto per la lettura

"E’ vero che stanno aumentando i casi, ma le ospedalizzazioni e i decessi sono come prima, bassissimi, e questo perché i vaccini funzionano eccome contro la variante”. Matteo Bassetti, direttore della Clinica di Malattie Infettive ‘San Martino’ di Genova, parla con Libero della situazione Covid e della variante Delta in Gran Bretagna, sostenendo che “chi parla di ‘lockdown’ fa terrorismo psicologico. Non si deve pronunciare quella parola: non ha senso. Non ne parlano nemmeno in Inghilterra dove la variante Delta è largamente predominante. Nel Regno Unito hanno semplicemente rinviato delle riaperture, fine, altro che zone rosse e assurdità varie che sento in questi giorni! E chi dice che in Inghilterra la situazione continua a peggiorare non sa leggere i numeri, o non vuole”.

“Pfizer e Moderna - spiega Bassetti - ancor prima del richiamo, arrivano a coprirla fino al 90%. Astrazeneca al 75: c’è un lavoro scozzese pubblicato su Lancet, che è una delle riviste scientifiche più prestigiose. Col richiamo c’è una riduzione del 95% di ricoveri e morti. Un rapporto inglese pubblicato qualche giorno fa ha confermato i dati: il richiamo con Astrazeneca innalza la copertura all’85% e con Pfizer e Moderna si arriva al 95. Rimane fuori un 5%, certo, ma è un rischio calcolato, è impossibile avere una copertura totale. Le informazioni che arrivano dal Regno Unito dicono che la variante Delta dà sintomi blandi, simili al raffreddore, però attenzione, si parla soprattutto di giovani non vaccinati. In Italia, ad agosto, sarà la variante predominante, com’è successo con quella inglese tra febbraio e marzo. Sostituirà gli altri tipi di virus. È ragionevole pensare che quasi tutti i contagi verso la fine dell’estate saranno collegati alla Delta. Dobbiamo continuare con la vaccinazione, ché è l’unico modo che abbiamo per combattere il virus, e bisogna arrivare all’85%, non più al 70 che era la soglia indicata inizialmente per l’immunità di gregge”.

Secondo Bassetti, il tracciamento ora è possibile: “In Italia sequenziamo appena l’1,5% dei tamponi positivi, mentre le linee guida europee indicano come base di partenza il 5 e come obiettivo il 10. Un conto è tracciare 10-15mila contagi al giorno, com’era prima, un altro quando sono meno di mille: significa che ogni Regione deve analizzare appena 40-50 tamponi, se non siamo capaci non abbiamo capito proprio niente. Con numeri così bassi devi essere in grado di sapere da dove arriva ogni singolo caso”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli