Variante delta Italia, Crisanti: "Zone rosse? Poco e tardi"

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

– Utilizzare delle zone rosse per contenere la variante delta “è troppo poco e troppo tardi, si doveva impostare una cosa del genere un mese fa, quando c’erano i primi casi. Adesso con il 20-25% di casi di variante delta sparsi per l’Italia non riesco a immaginare come si possa fare”. Lo ha detto a Buongiorno, su Sky TG24 Andrea Crisanti, professore ordinario di microbiologia all'Università di Padova. La creazione di zone rosse, ha proseguito, “è troppo tardiva sì, significa che abbiamo 200-250 casi di variante indiana sparsi per l’Italia. Con la nostra capacità di sequenziamento e di intercettazioni di varianti la vedo difficile”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli