Variante Delta, Pregliasco: "Rischio zone rosse? Temo di sì"

·1 minuto per la lettura

Variante Delta in Italia, con la circolazione della mutazione del coronavirus, destinata a diventare dominante anche nel nostro Paese, c'è il rischio di nuovi mini lockdown con zone rosse? "Io temo di sì". Se necessario "dovremo andare in modo molto flessibile magari a dover fare come in Israele, nei momenti in cui possa esserci una diffusione un po' più ampia e in territori" specifici, "anche zone rosse. Questa purtroppo è l'esigenza". Lo ha spiegato ad 'Agorà Estate' su Rai3 Fabrizio Pregliasco, virologo dell'università Statale di Milano.

Quella con il coronavirus pandemico "sarà una convivenza - ha precisato l'esperto - ovviamente molto più civile, vista la grande quantità di vaccini" via via somministrati, "però con una progressione. Il punto - ha ammonito - è non sottovalutare una patologia che nella gran parte dei casi non è grave, ma proprio per questo si diffonde e si diffonde bene".

Pregliasco parla poi delle persone come "i De Manzoni, che sempre minimizzano e trovano la modalità, non capisco perché, di far abbassare la guardia" anche "nei momenti di massima emergenza", dice Il virologo dell'università Statale di Milano rivolgendosi al condirettore de 'La Verità', anche lui videocollegato in trasmissione.

"Lei trova sempre la possibilità di minimizzare, è incredibile, anche nei momenti di massima emergenza", ha osservato il medico. "E lei trova sempre la possibilità di drammatizzare", ha replicato il giornalista, precisando di essersi riferito nel suo intervento a "esperti del Comitato tecnico scientifico" e facendo notare che il virologo in passato "ha proposto l'abbronzatura con la mascherina".

"Era una provocazione per scherzare", ha sorriso Pregliasco, ribadendo comunque che "è giusto preoccuparci: si è visto quello che sta succedendo nel mondo, il virus girerà ancora e avremo la necessità di conviverci".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli