Variante Delta, terza dose vaccino covid non serve in Usa

·1 minuto per la lettura

Le persone completamente vaccinate contro Covid-19 in Usa non hanno bisogno di una terza dose di vaccino. Le due dosi di vaccino garantiscono protezione dalla variante Delta. "Siamo pronti per dosi di richiamo" eventuali, "se e quando la scienza dimostrerà che sono necessarie". Lo hanno precisato in una dichiarazione congiunta la Food and Drug Administration (Fda) e i Centers for Disease Control and Prevention (Cdc) americani.

Pfizer e BioNTech hanno annunciato l'intenzione di chiedere alla Fda il via libera a una terza dose di vaccino anti-Covid, per dare "una protezione ancora maggiore" alla popolazione. Ma le autorità sanitarie Usa - secondo quanto rimbalza sulla stampa statunitense - sostengono che i completamente vaccinati sono protetti anche dalle varianti di Sars-CoV-2, inclusa la variante Delta più contagiosa, destinata a diventare dominante. Hanno comunque esortato i cittadini di età pari o superiore a 12 anni che non sono ancora stati vaccinati a sottoporsi all'iniezione-scudo.

"Le persone non vaccinate rimangono a rischio", hanno ammonito Fda e Cdc, rimarcando che "praticamente tutti i ricoveri e i decessi per Covid-19 sono tra coloro che non sono vaccinati".

Le autorità assicurano in ogni caso che Fda, Cdc e i National Institutes of Health (Nih) "sono impegnati in un processo rigoroso e basato sulla scienza per valutare se o quando potrebbe essere necessario un richiamo. Questo processo - puntualizzano - tiene conto dei dati di laboratorio, degli studi clinici e di coorte, che possono includere anche dati di aziende farmaceutiche specifiche, ma che non si basano esclusivamente su questi. Continuiamo a rivedere tutte le nuovi evidenze non appena saranno disponibili e informeremo i cittadini".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli