Variante Deltacron, dietrofront: le sequenze sono state ritirate dal database internazionale

·1 minuto per la lettura
deltacron sequenze ritirate
deltacron sequenze ritirate

Le sequenze di quella che sembrava una nuova variante nata da un mix di più mutazioni sono state ritirate dal database Gisaid dove erano state precedentemente depositate: si tratta dei dati riferiti a Deltacron, definita una variante ibrida con caratteristiche di Delta e Omicron identificata per la prima volta a Cipro.

Deltacron, le sequenze sono state ritirate

Se inizialmente la scoperta aveva destato un certo allarme per via dell’ipotetica virulenza della versione mutata del virus, da controlli successivi è emerso che potrebbe essersi trattato di un artefatto contaminazione o di un caso di co-infezione. Anche perché Kostrikis, colui che aveva rilevato l’ipotetica variante, aveva annunciato le sue ricerche tramite la stampa e non attraverso uno studio vero e proprio come invece dovrebbe avvenire per le scoperte scientifiche.

Deltacron, le sequenze sono state ritirate: l’annuncio

Il microbiologo Enrico Bucci, professore presso la Temple University e scettico sulla rilevazione di Kostrikis, ha mostrato come le sequenze depositate dai ricercatori ciprioti non siano più disponibili nel database Gisaid per necessità di ulteriori accertamenti. Si è dunque chiesto “perché gli scienziati cercano le agenzie di stampa prima dei loro colleghi quando si tratta di annunciare risultati di potenziale impatto sociale“.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli