Variante indiana, Galli: "Fa paura, non possiamo sfuggire ai rischi"

·2 minuto per la lettura

Sulla variante Delta (ex indiana) "c'è un po' più di un poco di paura. Credo che le autorità inglesi abbiano informato le autorità europee. E credo che questa variante sia stata, se non protagonista, almeno un importante argomento di discussione al G7. Purtroppo qualche vittima in più l'ha fatta. Tanto è vero che gli inglesi stanno riverificando alcune politiche di apertura". Lo spiega all'Adnkronos Salute Massimo Galli, direttore di Malattie infettive all'ospedale Sacco di Milano, commentando le parole del primo ministro, Mario Draghi, che ha prospettato la possibile quarantena per chi arriva dll'Inghilterra a fronte di un eventuale aumento di casi Covid oltremanica.  

"Noi - aggiunge Galli - dobbiamo sempre ricordare che la bestiaccia gira e che non possiamo sfuggire dai rischi di questa variante. E' un'osservazione antipatica, ma qualcuno la deve pur fare".  

Sull'ipotesi di lasciare la possibilità di scelta per la seconda dose per gli under 60 ai quali è già stata somministrata una prima dose di vaccino AstraZeneca, Galli sostiene che far scegliere ai cittadini se fare la seconda dose con lo stesso o un altro vaccino, "francamente, mi sembra un po' uno scaricabarile. Credo debbano invece indicarlo le autorità sanitarie. Altrimenti non si chiude più la partita". Sul piano scientifico "il mix si può fare, anche se dati non ce ne sono molti", aggiunge Galli.  

Infine, commentando lo stop alla mascherina all'aperto in Francia dal 30 giugno, Galli non trova "utile mettersi a discutere sul 'sì o no' alla mascherina. Sappiamo che ci ha aiutato tanto. E i dati ci dicono che funziona. Fino a quando siamo messi così, prima di mollarla bisogna pensarci. Certo non la mettiamo mentre mangiamo al ristorante o quando andiamo a fare il bagno, ma meglio avercela a portata di mano e usarla quando serve e con giudizio". Purtroppo, sottolinea, "la questione della mascherina sta diventando un feticcio politico per 'captatio benevolentiae'. La mascherina è uno strumento, è un device. Molto consigliabile, in ogni caso, alle persone più fragili che devono affrontare situazioni in cui ci siano più persone", conclude. 

 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli