Variante Omicron Italia, Greco (Cts): "Dati dicono che non deve preoccuparci"

·1 minuto per la lettura

"Ad oggi i dati ci dicono che in Europa" la presenza della variante Omicron "è sporadica, e che in Italia siamo a una dozzina di isolamenti. E che non sembra più trasmissibile come si era pensato all'inizio, ed è certamente meno patogena, come comunicato ieri dall'Oms. Inoltre le tre dosi di vaccino anti-Covid, secondo dati forniti da Pfizer, sono protettive" anche contro questa variante. "Tutto questo ci porta oggi a una conclusione - che ovviamente potrà cambiare in caso di nuovi dati - ovvero che non dobbiamo preoccuparci per Omicron". Così all'Adnkronos Salute, l'epidemiologo Donato Greco, componente del Comitato tecnico scientifico (Cts), che aggiunge: "è probabile che Omicron si diffonda nel nostro Paese, ma non lo sta facendo, e comunque qualora lo facesse siamo protetti con le tre dosi di vaccino".

Greco, epidemiologo con decenni di esperienza alle spalle, in prima linea a partire dal colera del '73 a Napoli all'attuale pandemia, spiega: "Non conosco virus senza varianti, e riguardo a Covid sono state identificate, soltanto nel 2020, 1500 mutazioni. E' chiaro che la singola mutazione fa parte della vita del virus e non porta variazioni importanti, e ciò accade solo con la somma delle mutazioni. Omicron ha 32 mutazioni nella zona della proteina Spike e per questo è stata classificata 'preoccupante' dall'Oms". Ma la stessa Organizzazione mondiale della Sanità, "proprio ieri ci ha rassicurato", conclude.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli