Variante Omicron, meno grave ma rischio boom contagi: studio

·3 minuto per la lettura

La variante Omicron del Covid potrebbe essere meno grave, più mite. E' quanto suggeriscono studi preliminari eseguiti con le prime evidenze raccolte sia nel Regno Unito che in Sudafrica. Queste evidenze sembrerebbero indicare che meno persone necessitano di cure ospedaliere rispetto ad altre varianti. La sensazione già espressa da esperti del Paese africano che per primo ha intercettato il nuovo mutante potrebbe dunque non essere infondata. Un primo insieme di dati è quello che arriva dal Regno Unito, precisamente da uno studio scozzese che ha monitorato il coronavirus e il numero di persone che finiscono in ospedale.

Secondo quanto riporta la 'Bbc online', la ricerca indica che, se Omicron si fosse comportata come Delta, sulla platea di pazienti esaminata sarebbero stati prevedibili circa 47 ricoveri in ospedale, mentre al momento sono 15. Tuttavia, lo studio scozzese si basa su pochi casi e nel campione ci sono poche persone con più di 65 anni, che sono le più a rischio. Quello che gli esperti continuano a temere, inoltre, è che - seppur più mite - la variante Omicron, vista la velocità con cui sta viaggiando, potrebbe portare un'enorme mole di casi. E questo, per la legge dei grandi numeri, potrebbe ugualmente rischiare di sopraffare gli ospedali. Lo studio è stato condiviso con l'Organizzazione mondiale della sanità e i consulenti scientifici del governo britannico.

L'altro lavoro è stato condotto in Sudafrica e anche questo indica che le persone hanno meno probabilità di aver bisogno di ricovero per Omicron. Potenzialmente viene indicata una riduzione di circa due terzi, cioè si calcola un 70-80% in meno di probabilità di dover ricorrere a cure ospedaliere, a seconda che Omicron venga confrontata con le ondate precedenti o con altre varianti attualmente in circolazione. Lo stesso lavoro però suggerisce allo stesso tempo che non c'è alcuna differenza negli esiti per i pochi pazienti finiti in ospedale con Omicron.

"In modo convincente, i nostri dati suggeriscono una gravità ridotta di Omicron rispetto ad altre varianti", ha affermato Cheryl Cohen dell'Istituto nazionale per le malattie trasmissibili, in Sudafrica. Non è ancora chiaro però se la variante Omicron sia più mite in sé o se appaia tale perché ora c'è molta più immunità. Nuovi dati nei prossimi giorni potrebbero chiarire ulteriormente il quadro.

Intanto in Sudafrica, dopo la rapidissima impennata di casi, il numero dei nuovi contagi sta ora scendendo ed è in calo del 20%, rispetto alla scorsa settimana. E' quanto riferiscono i ricercatori sudafricani, interpellati da vari media internazionali, tra i quali il New York Times.

Secondo l'epidemiologa Michelle Groome, del National Institute of Communicable Diseases, nell'epicentro dell'ultima ondata sperimentata dal Paese, la provincia di Gauteng, dove si trovano Johannesburg e la capitale Pretoria, il picco sembra essere stato raggiunto la scorsa settimana. "E' incoraggiante - ha detto la scienziata - in termini tendenze in diminuzione e numero di casi".

Gli studi basati sui primi casi registrati nella provincia di Gauteng sembrano inoltre suggerire che i casi di Covid-19 causati dalla variante Omicron tendono ad essere meno gravi di quelli associati alle varianti precedenti. E tuttavia, fanno notare gli esperti, nella provincia di Guateng è presente una percentuale maggiore di vaccinati rispetto al resto del Paese e questo potrebbe avere mitigato l'azione del virus.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli