Variante Omicron, Pregliasco: "Un disastro, resistere fino a primavera"

·1 minuto per la lettura

"E' un disastro". Così il virologo Fabrizio Pregliasco commenta all'Adnkronos Salute l'impatto della variante Omicron già alla base del 28,2% dei contagi Covid in Italia. "E' quello che si temeva sostanzialmente - chiarisce il docente della Statale di Milano - la velocità con cui il virus riesce a diffondersi conferma ciò che c'è nel mondo e non potevamo sfuggire".

"Sembra che la Lombardia e soprattutto Milano - sottolinea - siano un po' l'epicentro della crescita di Omicron. Questo ci deve preoccupare - afferma il virologo - anche se i dati dell'Imperial College ci dicono che a fronte di una vaccinazione con le 3 dosi abbiamo comunque un 40% in meno di ricoveri e un'efficacia della protezione che parrebbe comunque essere confermata al 70-75%".

Omicron poi "sembra essere meno aggressiva" ma il timore che al ritmo di un raddoppio dei contagi ogni 2 giorni, possibili grazie all'enorme capacità diffusiva della variante, gli ospedali tornino in affanno è forte. "Dobbiamo assolutamente gestire e organizzarci in modo da evitarlo", dice Pregliasco che approva la stretta in arrivo. "Altre limitazioni saranno purtroppo necessarie", conferma ricordando che "ora con l'impatto della nuova variante siamo ben lontani dall'aver raggiunto il picco dei contagi" che alcuni indicavano proprio nel periodo di Natale. "Adesso poi con viaggi, baci e abbracci durante le feste sono guai", dice il virologo.

"Noi dobbiamo scavallare la nottata, e la nottata è lunga almeno tutto l'inverno", prosegue commentando il calo rapido dei contagi Covid registrato in Sudafrica dopo l'arrivo del primo caldo. "E' sperabile che questo accada anche da noi - dice il virologo - sicuramente anche il clima aiuta". Dovremo quindi attendere l'estate? "Ma no, diciamo la primavera", conclude ottimista.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli