Variante sudafricana, Usa: restrizioni sui voli per otto paesi

·2 minuto per la lettura

"Questa mattina sono stato informato dal mio consulente medico, il dottor Tony Fauci, e dai membri del nostro team di risposta al Covid, sulla variante Omicron, che si sta diffondendo nell'Africa meridionale. Come misura precauzionale, fino a quando non avremo maggiori informazioni, dispongo ulteriori restrizioni sui viaggi aerei dal Sudafrica e da altri sette paesi. Queste nuove restrizioni entreranno in vigore il 29 novembre. Continueremo a farci guidare da ciò che la scienza e il mio team medico consigliano". Ad annunciarlo è stato il presidente americano Joe Biden.

"Ho due messaggi importanti per il popolo americano e uno per la comunità mondiale", ha aggiunto Biden, citato in un comunicato della Casa Bianca. "In primo luogo, per quegli americani che sono vaccinati contro il Covid – fortunatamente, per la stragrande maggioranza dei nostri adulti – il modo migliore per rafforzare la vostra protezione è fare una vaccinazione di richiamo, non appena siete idonei. I richiami sono stati approvati per tutti gli adulti di età superiore ai 18 anni, sei mesi dopo la vaccinazione, e sono disponibili in 80.000 località" in tutto il paese. "Sono sicuri, gratuiti e convenienti. Fate subito il richiamo, così da avere questa protezione aggiuntiva durante le festività natalizie".

"Secondo, per chi non è ancora completamente vaccinato: fatevi vaccinare oggi. Questo vale sia per i bambini che per gli adulti. L'America è leader mondiale nella vaccinazione dei bambini di età compresa tra 5 e 11 anni e vaccina gli adolescenti da molti mesi ormai, ma abbiamo bisogno più americani in tutte le fasce d'età abbiano questa protezione salvavita. Se non siete stati vaccinati o non avete portato i vostri figli a vaccinarsi, ora è il momento".

"Infine, per la comunità mondiale: le notizie su questa nuova variante dovrebbero rendere chiaro più che mai perché questa pandemia non finirà finché non avremo le vaccinazioni a livello globale. Gli Stati Uniti hanno già donato più vaccini ad altri paesi rispetto a tutti gli altri paesi messi insieme. È tempo che altri paesi si adeguino alla velocità e alla generosità dell'America".

"Inoltre, invito le nazioni che si riuniranno la prossima settimana per la riunione ministeriale dell'Organizzazione mondiale del commercio raccogliere la sfida degli Stati Uniti per la rinuncia alla protezione della proprietà intellettuale sui vaccini anti-Covid, in modo che questi vaccini possano essere prodotti a livello globale. Ho sostenuto questa posizione in aprile; questa notizia di oggi ribadisce l'importanza di procedere rapidamente".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli